Cronaca

Carpi: il nuovo Vescovo è Monsignore Francesco Cavina

Compiuti i 75 anni di età, lascia Mons. Elio Tinti: al suo posto il sacerdote della Diocesi di Imola attualmente in servizio presso la Segreteria di Stato vaticana. L'annuncio ufficiale oggi alle ore 12 di Papa Benedetto XVI

Mons. Francesco Cavina

Ha 56 anni, è sacerdote presso la Diocesi di Imola e attualmente sta prestando servizio alla Segreteria di Stato della Santa Sede: è Monsignor Francesco Cavina il nuovo Vescovo di Carpi che subentra al dimissionario Monsignor Elio Tinti, giunto alla soglia dei 75 anni di età. L’annuncio della nomina da parte del Santo Padre è stato dato oggi alle ore 12 in contemporanea a Carpi, a Imola e a Roma.

SCHEDA - Mons. Francesco Cavina dal 1996 è in Segreteria di Stato, attualmente come Minutante della Sezione per i rapporti con gli Stati, dal 1995 è Giudice al Tribunale Flaminio di Bologna e sarà il 18° Vescovo della Diocesi di Carpi dalla sua istituzione nel lontano 1779. Sarà il quarto vescovo negli ultimi 28 anni seguiti alla morte di monsignor Artemio Prati che resse la Diocesi per 31 anni dal 1952 al 1983: Alessandro Maggiolini dal 1983 al 1989; Bassano Staffieri dal 1989 al 1999; Elio Tinti dal 2000 al 2011.

SALUTO - Cavina ha rivolto un sentito ringraziamento al suo predecessore, "che per undici anni ha guidato con zelo, saggezza, lungimiranza e autorevolezza codesta porzione del popolo di Dio, guadagnandosi la fiducia, la stima e l'affetto dei fedeli e il rispetto delle autorità civili. Ora, il Signore, per il ministero del Santo Padre, Benedetto XVI al quale va ora la nostra obbedienza e fedeltà - scrive monsignor Cavina - ha chiamato il sottoscritto ad amministrare tale preziosa eredità, per farla ulteriormente crescere per il bene della Sua Chiesa e della società tutta".

AUTORITA' - "Consapevole dei miei limiti - prosegue Cavina - sono a chiederLe di accompagnarmi con la preghiera e di non farmi mancare il Suo consiglio e, se necessario, anche il paterno e fraterno richiamo. Per mezzo Suo desidero fare pervenire un affettuoso saluto a tutta la comunità diocesana: sacerdoti, religiosi, religiose, laici, seminaristi, nonché alle Autorità civili e Militari, con particolari sentimenti di vicinanza ai sofferenti nel corpo e nello spirito e a coloro, soprattutto i giovani e le famiglie, che patiscono la drammatica crisi economica che coinvolge il nostro Paese. Vengo in mezzo a voi - aggiunge il nuovo vescovo di Carpi - ricco solo dell'amore di Gesù Cristo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carpi: il nuovo Vescovo è Monsignore Francesco Cavina

ModenaToday è in caricamento