rotate-mobile
Cronaca Palagano

Frane in Appennino: riapre la sp 28 a Palagano, ma continuano i dissesti

Gli operatori della Provincia hanno concluso un intervento di drenaggio delle acque dalla frana e il ripristino del fondo stradale al fine di riaprire nel più breve tempo possibile la circolazione lungo l'arteria che collega Palagano a Lama Mocogno

È stata riaperta nel pomeriggio di ieri la strada provinciale 28 di Palagano, interrotta da venerdì a causa da uno smottamento vicino la frazione di Montemolino. "Gli operatori della Provincia - si legge in un comunicato stampa - stanno concludendo un intervento di drenaggio delle acque dalla frana e il ripristino del fondo stradale al fine di riaprire nel più breve tempo possibile la circolazione lungo l'arteria che collega Palagano a Lama Mocogno".

Per quanto riguarda i dissesti di questi ultimi giorni, prosegue la nota, si segnalano "un nuovo smottamento lungo la provinciale 24 tra Costrignano e Susano di Palagano; una frana lungo la provinciale 20 nei pressi di Montegibbio a Sassuolo" Inoltre, prosegue la nota, "un nuovo fronte franoso si è aperto anche sulla provinciale 31 tra Acquaria e Roncoscaglia di Sestola, situazione stabile invece sulla provinciale 27 tra il ponte della Docciola e Montese dove da alcuni giorni sono attive due frane a Vaina e S.Giacomo".

Scorrendo ancora l'elenco delle zone colpite dal maltempo si segnalano, ancora, "Montefiorino con due tratti danneggiati lungo la provinciale 486 e la provinciale 32; a Montebaranzone di Prignano sulla provinciale 20 ha ceduto un muro di sostegno a valle; a Maranello con uno smottamento sulla strada provinciale 41 che collega Torre Maina e Puianello. Senso unico sulla provinciale 623 vicino a Zocca in località le Lame per uno smottamento a valle che ha parzialmente danneggiato la sede stradale. Permangono situazioni critiche - infine -sulla provinciale 26 di Samone di Guiglia con tre frane che hanno danneggiato la strada".

Frana a Montemolino

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frane in Appennino: riapre la sp 28 a Palagano, ma continuano i dissesti

ModenaToday è in caricamento