Furti al Centro di Raccolta, denunciata una famiglia di quattro persone

L'isola ecologica di Sassuolo era stata meta di quattro ladri, scoperti e denunciati dalla Polizia Municipale

Una famiglia di quattro persone di origini nordafricana è stata denunciata per furto alla Procura della Repubblica di Modena dagli agenti della Polizia Locale di Sassuolo a seguito di una attenta attività d’indagine partita nel luglio scorso.

In estate, infatti, erano stati denunciati furti di materiale ferroso nel Centro Raccolta Arcobaleno in via madre Teresa di Calcutta: incrociando le informazioni acquisite sui frequentatori, oltre alle immagini di videosorveglianza e dei veicoli presenti nel centro raccolta, nei giorni scorsi la Polizia Locale di Sassuolo è riuscita a concludere le indagini permettendo di indentificare i quattro autori.

Con estrema naturalezza si presentavano al centro raccolta anche in orario di apertura e depredavano il materiale stoccato, caricandolo a bordo dei loro veicoli. Benché fosse materiale destinato alla distruzione e quindi di fatto inservibile, veniva ugualmente utilizzato per estrarre alcune componenti che potessero poi essere rivendute sul mercato.

Gli autori del fatto, una volta individuati e messi davanti alle loro responsabilità, hanno ammesso i furti. Si tratta di A.M. di anni 24, L.Z. di anni 52, L. F. di anni 24, D. H. di anni 49, tutti denunciati per furto alla Procura della Repubblica di Modena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

  • Conferma dal Ministero, l'Emilia-Romagna torna in "zona gialla"

  • Chiama i vigili per spostare un auto in sosta davanti al cancello, ma il cartello era clonato

  • Coronavirus, risalgono i numeri in regione. A Modena quasi 500 casi

Torna su
ModenaToday è in caricamento