rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Cronaca Spilamberto / Via Rio Secco

Spilamberto, sventato furto in abitazione: due denunce

Un malvivente è stato costretto alla fuga in via Rio Secco, mentre la sua complice è stata scoperta in auto dai carabinieri impegnati in un servizio di perlustrazione del territorio

Ieri mattina, a Spilamberto, i carabinieri sono hanno sventato d’iniziativa un furto in abitazione ai danni di una villetta in via Rio Secco. L’intervento è avvenuto durante un servizio di perlustrazione di quel quartiere, quando i militari hanno notato un’auto sospetta ferma davanti l’abitazione. A quel punto, il ladro che stava commettendo il furto si è lanciato da una finestra ed riuscito a scappare facendo perdere le proprie tracce. Le successive indagini hanno consentito di identificarlo e di deferirlo all’Autorità Giudiziaria in attesa di rintraccio.

Nel contempo, i militari sono riusciti a catturare e trarre in arresto in flagranza di reato, la sua complice che aspettava in auto, è la 32enne D.D., italiana, residente a Modena, con precedenti. La stessa, accusata di concorso in tentato furto in abitazione, è stata trattenuta presso le celle di sicurezza in attesa di processo per direttissima. Nelle fasi successive all’intervento, i militari hanno poi contattato la proprietaria di casa, ancora ignara dell’accaduto. Procedendo a sopralluogo la stessa ha constatato che il ladro, pur avendo già messo a soqquadro alcune stanze, non ha fatto in tempo a mettere le mani su eventuali oggetti di valore.

Sempre nell’ambito delle attività di indagine relative ai furti in abitazione, i carabinieri hanno denunciato tre commercianti, titolari di un’impresa di traslochi e smontaggi in un comune della provincia di Modena, poiché responsabili di ricettazione di attrezzi provento di furti in abitazione commessi a Spilamberto. Le indagini hanno preso le mosse da due furti in abitazione ai a danni di diversi artigiani, dai cui garage sono erano stati rubati vari attrezzi da lavoro del valore complessivo di 1.500 euro circa. Quegli stessi attrezzi sono stati ritrovati nel corso una perquisizione presso l’azienda degli indiziati, che dovranno pertanto rispondere di ricettazione in concorso. A carico degli stessi sono peraltro emersi indizi in ordine al possibile coinvolgimento diretto nei furti oltreché elementi per cui è possibile ritenere che gli oggetti rubati fossero destinati alla vendita sul web.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spilamberto, sventato furto in abitazione: due denunce

ModenaToday è in caricamento