menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti, ladri inseguiti in via Vignolese. Un arresto della Polizia

Un 33enne arrestato in flagranza dalla Polizia di Stato per tentato furto in abitazione, fuggito invece il complice

Nella giornata di ieri, personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto un cittadino albanese di anni 33, responsabile del reato di tentato furto in abitazione. Gli agenti hanno notato in via Riccardi, laterale di via Vignolese, due persone in bicicletta dall’atteggiamento particolarmente sospetto, che procedevano molto lentamente a ridosso delle palazzine osservando all’interno dei cortili. I due, sotto l’occhio vigile dei poliziotti, nascoste le bici dietro un cassonetto sono entrati all’interno di un palazzo e dopo un breve lasso di tempo sono usciti dal cortile a passo svelto e con circospezione recuperando le biciclette.

Proprio nel momento in cui gli agenti decidevano di intervenire, è giunta alla linea di emergenza 112 una segnalazione di furto in abitazione in via Riccardi. I due malviventi, ormai braccati dalla Polizia, si sono dati alla fuga verso via Vignolese, ma solo uno è riuscito a far perdere le proprie tracce. L’altro è stato bloccato e, sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di due cacciaviti a punta piatta di grosse dimensioni, una ricetrasmittente con auricolare, due mini torce e un paio di guanti da lavoro.

Dagli accertamenti presso l’abitazione si è potuto costatare che i due malviventi erano entrati in casa forzando la finestra del bagno posta nel retro della palazzina e che i segni di effrazione erano assolutamente compatibili con gli arnesi da scasso rinvenuti addosso all’albanese. I due malviventi, probabilmente disturbati dall’arrivo dei proprietari, non avevano avuto il tempo di portare a termine il furto ed erano usciti dall’appartamento a mani vuote.

L’albanese, in Italia senza fissa dimora, con numerosi precedenti di Polizia per reati contro il patrimonio, in particolare per furto e ricettazione, è stato trattenuto presso le celle di sicurezza della Questura, come disposto dal Magistrato di turno, in attesa del processo con rito direttissimo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, solo 97 casi nel modenese. Corrono le guarigioni

Attualità

Contagio. Oggi a Modena 150 casi, ma percentuale stabile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento