rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Cronaca Carpi

Fa spese con il bancomat del suo datore di lavoro, incastrato dalle sigarette

Un 28enne è stato denunciato dopo accurate indiagini dei Carabinieri. Aveva prelevato in sette tranche 1.750 euro sempre sfilando e risistemando la tessera dal portafogli del capo

Tra ottobre e novembre dello scorso anno un cittadino carpigiano aveva assistito abbastanza incredulo alla sparizione di 1.750 euro dal proprio conto bancario, frutto di sette distinti prelievi dal 250 euro cadauno effettuati con il suo bancomat. La tessera tuttavia era regolarmente nel portafogli dell'uomo, che ha chiesto ai Carabinieri della Stazione di Carpi di fare luce sull'accaduto. Dopo diverse settimane di indagini, i militari hanno fornito una risposta e denunciato alla Procura il responsabile dei furti.

E' stato così smascherato un dipendente dello stesso titolare della carta, un giovane di 28 anni, che aveva trovato il modo di assicurarsi qualche entrata extra dal proprio datore di lavoro. Come ricostruito dagli inquirenti, il ragazzo era solito sfilare la tessera dal portafogli del capo sul luogo di lavoro, prelevare e poi riporla al suo posto.

L’identificazione è stata possibile anche comparando le impronte digitali rilevate dallo scanner di un distributore automatico di sigarette, associate alla tessera sanitaria del 28enne, dove era solito recarsi subito dopo aver eseguito il prelievo per concedersi anche un pacchetto di "bionde". Ora dovrà rispondere del reato di indebito utilizzo di carte di credito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fa spese con il bancomat del suo datore di lavoro, incastrato dalle sigarette

ModenaToday è in caricamento