rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Via Sgarzeria

Si intrufola all'istituto Venturi e ruba una borsetta, arrestato

Un italiano senza fissa dimora si è reso protagonista di due crimini nel giro di pochi minuti, prima nei locali dell'Istituto Venturi, poi in via dei Servi, dove è stato segnalato da un cittadino alla Polizia

É un torinese senza fissa dimora l'uomo di 51 anni che ieri mattina si è reso protagonista di due crimini in centro storico, a poco tempo e a poca distanza l'uno dall'altro. Il malvivente è stato sorpreso in via dei Servi dal proprietario di una Citroèn Picasso, nel tentativo di scassinare la vettura. Dopo un mancato tentativo di bloccarlo, il ladro si è dato alla fuga, ma è stato braccato e arrestato da una pattuglia della Squadra Volante, che aveva ricevuto dall'automobilista un'accurata descrizione fisica del fuggiasco.

Così il malvivente è stato condotto in questura ,dove proprio in quel momento era arrivata una donna per denunciare un furto. Il cerchio si è chiuso in pochi rapidi passaggi. La signora infatti – che lavora come tecnico di laboratorio presso l'Istituto d'arte Venturi – era stata vittima del furto della borsetta, che conteneva un portafoglio ritrovato in possesso dello stesso 51enne torinese appena arrivato in via Palatucci.

La ricostruzione dei fatti ha permesso di appurare che il ladro si era introdotto intorno alle 10 del mattino all'interno della sede scolastica di via Sgarzeria e aveva sottratto la borsa lasciata nei locali della portineria, senza essere notato. Poi si era diretto in via dei Servi per il furto dell'auto andato a vuoto.

Si tratta di un soggetto ben noto alle forze dell'ordine, in quanto pluripregiudicato. In questo caso l'accusa è di furto in abitazione, con solo riferimento al portafoglio che è poi stato restituito alla signora. In suo possesso sono stati trovati anche due coltelli a serramanico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si intrufola all'istituto Venturi e ruba una borsetta, arrestato

ModenaToday è in caricamento