Cronaca Ospedale Universitario / Via del Pozzo

Ruba uno strumento dal reparto di Malattie Infettive, scoperto grazie alle telecamere

Il 36enne pluripregiudicato aveva anche lasciato la carta di identità sul luogo del delitto, ma sono state le immagini a circuito chiuso del Policlinico ad inchiodarlo

Lo scorso 28 aprile si è consumato un furto singolare presso il reparto di Malattie Infettive del Policlinico di Modena. Singolare sia per il luogo - epicentro delle cure mediche nel pieo dell'emergenza covid - e anche per la refurtiva. Da un armadio, in un locale chiuso al pubblico, erano spariti sia un telefono cordless in uso agli operatori, sia uno sfigmomanometro, lo strumento per la misurazione della pressione sanguigna. Due oggetti che non rappresentano certo un grande valore immediato per un ladro.

Dopo la denuncia dei sanitari, gli agenti del posto di Polizia del Policlinico hanno svolto una serie di accertamenti, verificando che nei pressi del luogo dove era stato commesso il furto si trovavano anche alcuni effetti personali, tra cui un documento di identità appartenente ad un 36enne italiano, noto pluripregiudicato.

Grazie all'analisi delle telecamere della sorveglianza interna, i poliziotti hanno individuato l'uomo andare e venire dalla stanza del furto nella serata del 28 aprile, trasportando anche un sacchetto e cambiando un indumento che è poi stato ritrovato. Da qui è partita la denuncia per furto aggravato, che nei giorni scorsi è stata notificata al diretto interessato. L'uomo si trovava per altro già in carcere, in quanto arrestato per altri reati. La refurtiva non è stata recuperata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba uno strumento dal reparto di Malattie Infettive, scoperto grazie alle telecamere

ModenaToday è in caricamento