rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Castelfranco Emilia / Piumazzo

Furto con scasso e rissa con il proprietario del bar, un arresto a Castelfranco

In quattro scassinano il bar e portano via i videopoker. Il proprietario si accorge del furto e ingaggia una colluttazione con uno dei malviventi, poi tratto in arresto dall'intervento tempestivo dei Carabinieri. Condannato a due anni di carcere

I Carabinieri della tenenza di Castelfranco Emilia sono stati chiamati ad intervenire ancora una volta a Piumazzo – teatro di una rapina in banca pochi giorni fa – a seguito della chiamata del proprietario di un bar, arrivata alle ore 2 della scorsa notte. Il proprietario, affacciandosi alla finestra della sua casa, si era infatti accorto che nel suo esercizio al piano terra dell'edificio era in corso un furto.

I militari, giunti immediatamente sul posto, sono riusciti a trarre in arresto in flagranza di reato uno responsabili. Si tratta del 23enne rumeno C.C.I., nullafacente, incensurato, dichiaratosi senza fissa dimora, ma verosimilmente proveniente dalla provincia bolognese. Lo straniero, oltre al reato di furto aggravato in concorso, è stato ritenuto responsabile anche del reato di rapina. L’ulteriore e più grave accusa è dipesa dall’aver aggredito il 54enne proprietario del bar. 

Per la commissione del furto, il giovane rumeno ha agito con almeno tre complici, non ancora identificati dai Carabinieri. La banda ha dapprima forzato la saracinesca e la porta d’ingresso del bar e quindi trafugato cinque apparecchi videopoker con i relativi incassi. Poi, mentre i le slot erano già caricate su un camioncino, pronte per essere portati via, gli esercenti del bar si sono affacciati ed accorti di quanto stava accadendo. 

A questo punto, mentre tre componenti del gruppo scappavano via, il 23enne si è imbattuto nel proprietario, con il quale ha ingaggiato una colluttazione. Pochi istanti dopo sono arrivati i Carabinieri, avvertiti dalla compagna del commerciante, che sono riusciti a bloccare in tempo l’aggressione e avviando le indagini per individuare i ladri che stavano fuggendo nella notte.

Poco dopo i videopoker sono stati recuperati, insieme a tutti gli arnesi da scasso adoperati per forzare l’ingresso del bar: trovati a bordo del mezzo con il quale i malviventi si accingevano a trasportare la refurtiva: un autocarro Fiat risultato provento di furto, consumato il giorno prima a Casalecchio di Reno. 

Dopo aver trascorso la notte nelle camere di sicurezza dell’Arma, questa mattina il 23enne dell'est è stato processato per direttissima dal Tribunale di Modena, che lo ha condannato a due anni e due mesi di reclusione in carcere e al pagamento di 600 euro di multa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto con scasso e rissa con il proprietario del bar, un arresto a Castelfranco

ModenaToday è in caricamento