Ravarino: in bicicletta con la refurtiva in spalla, denunciati

Giravano in bici con un sacco in spalla pieno di attrezzi da lavoro rubati in diversi cantieri della zona: nei guai due giovani originari di San Giovanni in Persiceto, Bologna

Non è stata una mossa saggia muoversi in bicicletta con in spalla un sacco nero della spazzatura pieno di attrezzi rubati. Lo sanno bene quei due giovani italiani (20 e 22 anni) originari di San Giovanni in Persiceto che, nella giornata di ieri, sono stati denunciati dai Carabinieri di Ravarino per furto e ricettazione. Questo modo inusuale di trasportare strumenti anche abbastanza pesanti ha attirato l'attenzione dei militari: una volta fermati, il sacco è stato aperto e al suo interno è stato rinvenuto materiale normalmente utilizzato nei cantieri edili, tra cui diverse bombolette di smalto acrilico, numerose multiprese da cantiere, adattatori di varie marche e genere, 20 confezioni di silicone sigillante e un gran numero di flessibili di colore verde e nero. Allo stato del controllo, la merce non risultava provento di furto, ma le dichiarazioni frammentarie e imprecise dei due hanno portato i militari a verificare la provenienza esatta del materiale. Incalzati dalle domande, i giovani hanno ammesso di avere rubato gli strumenti da lavoro: effettivamente, come dimostrato da ulteriori accertamenti svolti nei dintorni di Ravarino, si erano si erano verificati alcuni furti in diversi cantieri della zona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Lavoro nero, sospesa l'attività di una pizzeria di Maranello

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Inceneritore e qualità dell'aria: "I rifiuti da fuori Modena inquinano come 100mila auto"

Torna su
ModenaToday è in caricamento