rotate-mobile
Cronaca Via Morane

"Ti ficco la penna in un occhio", giovane minacciata in autobus

L'episodio nel primo pomeriggio: una 20enne è stata avvicinata da una coetanea originarie dell'est che, dopo averla infastidita con domande insistenti, ha minacciato di "ficcarle un penna nell'occhio" per poi pedinarla

Era salita in autobus per fare ritorno a casa all'ora di pranzo aspettandosi un viaggio di relax, ma ha dovuto affrontare una donna dell'est che, dopo averla avvicinata, ha iniziato a importunarla fino a minacciarla e pedinarla una volta scesa dal mezzo pubblico. Questo quanto accaduto oggi poco dopo le ore 14 sulla linea 5 in direzione via Pio La Torre. A finire al centro delle attenzioni di una molestatrice, una giovane di 20 anni di cui preferiamo non rivelare il nome per motivi di riservatezza.

Dopo avere preso posto sull'autobus, la giovane ha fatto spazio agli altri passeggeri: una ragazza dell'est europeo le si è seduta accanti e ha attaccato bottone ponendo domande a ripetizione. Dopo averle chiesto l'età e la provenienza, passa al telefonino: "È scarico", replica la giovane ormai seccata da questo comportamento, ma la molestatrice non demorde e, dopo essersi fatta negare anche l'esibizione della tessera dell'autobus, chiede carta e penna. Dopo avere ottenuto solo quest'ultima, la giovane dell'est inizia a dare in escandescenze, pretende anche un foglio di carta su cui scrivere e minaccia la 20enne dicendo che altrimenti le avrebbe ficcato la penna nell'occhio.

La 20enne fa notare alla molestatrice la presenza di testimoni e telecamere di sicurezza. Esasperata, la giovane scende alla fermata di Strada Morane nei pressi di via Pavia e si rende conto di essere pedinata. Per evitare altre attenzioni indesiderate, al giovane è stata costretta a rifugiarsi in una gelateria per circa tre quarti d'ora, tempo utile per far desistere "l'inseguitrice" da ogni proposito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ti ficco la penna in un occhio", giovane minacciata in autobus

ModenaToday è in caricamento