Spilamberto, apre le porte la nuova Casa della Salute “Nicolaus Machella”

Una struttura di oltre ai 1.200 metri quadri che unisce i servizi sanitari e socio sanitari del territorio in un'unica sede. Al suo interno lavorano in modo integrato medici di famiglia, infermieri, specialisti ambulatoriali, psicologi, ostetriche, assistenti sociali

Un punto di riferimento al quale rivolgersi con certezza di una risposta competente e adeguata ai diversi bisogni di salute e di assistenza, ma anche il luogo che va incontro ai bisogni dei pazienti attraverso la medicina di iniziativa. E’ la Casa della Salute di Spilamberto,  inaugurata oggi 15 ottobre 2016, una struttura di oltre 1.200 metri quadrati che ha aperto le porte per farsi conoscere dai cittadini. Grazie ad alcune visite “guidate” e a laboratori creativi che hanno coinvolto anche i bambini della scuola primaria Marconi, l’Azienda USL ha presentato l'organizzazione della Casa della Salute che include i servizi sanitari e socio sanitari del territorio in un'unica sede.

All’inaugurazione hanno preso parte il Sindaco di Spilamberto Umberto Costantini, il Direttore Generale dell’Azienda USL di Modena Massimo Annicchiarico, il Direttore del Distretto di Vignola Maria Pia Biondi e Maurizio Pirazzoli, Presidente dell’Avis Provinciale. La Casa della Salute è stata intitolata al medico rinascimentale “Nicolaus Machella”. Al suo interno lavorano in modo integrato medici di famiglia, specialisti ambulatoriali, infermieri, psicologi, ostetriche, assistenti sociali e personale dedicato alla semplificazione amministrativa con l’obiettivo di promuovere la salute individuale e collettiva attraverso un approccio attivo ai bisogni dei cittadini, attraverso la medicina di iniziativa, organizzando sul territorio risposte assistenziali moderne ed efficaci.

La struttura servirà principalmente il Comune di Spilamberto e sarà punto di riferimento per un territorio di riferimento di 100 chilometri quadrati che comprende anche i Comuni di Castelvetro e Castelnuovo Rangone. La popolazione residente è di circa 39 mila persone.

“La Casa della Salute è un punto di riferimento per la comunità, in particolare per le persone più fragili, dove si anticipano i bisogni di salute dei pazienti cronici –  ha sottolineato il Direttore Generale Massimo Annicchiarico – e che al tempo stesso si rivolge alla tutela della salute attraverso la  prevenzione individuale e collettiva, grazie ad un approccio multiprofessionale, svolto da medici di famiglia, infermieri e specialisti ambulatoriali e orientata a dare risposte centrate sul singolo  individuo.  Ringrazio l’Amministrazione Comunale per la collaborazione, i Medici di Medicina Generale, i colleghi ed il Servizio Tecnico dell’Azienda USL di Modena, e tutti coloro che hanno collaborato alla progettazione e realizzazione di questa nuova struttura che saprà dare risposte sempre migliori ai bisogni di salute nel territorio.”

“L’inaugurazione della Casa della Salute, la prima nel distretto – dichiara il Sindaco di Spilamberto, Umberto Costantini – è un sogno che diventa realtà. Una realtà importante per tutta la comunità. Quando siamo arrivati nel 2014 abbiamo deciso di modificare il progetto originale insieme all’Azienda Usl per far diventare questa struttura una casa per tutti gli spilambertesi, capace di guardare al futuro. Il percorso è stato lungo ma ora ci siamo. Grazie a tutti quelli che ci hanno creduto, sia della presente che della passata amministrazione; ai tecnici comunali, all’Azienda USL che ci è sempre stata vicina, ai medici di base e al personale sanitario perché si è messo in gioco in prima persona per il benessere di tutta la comunità.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento