Incendio nella notte, gravi danni al mulino storico di Gombola

Un rogo ha danneggiato pesantemente l'antico mulino ad acqua della frazione di Polinago. Ricoverato per precauzione il titolare, leggermente intossicato

Nel cuore della notte i Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire a Gombola di Polinago, a causa di un incendio che si è sprigionato nei locali del mulino Veratti. Si tratta dell'antico mulino ad acqua del XIX secolo, l'unico della zona, ancora in funzione con metodi tradizionali e divenuto nel tempo un simbolo dell'Appennino e meta di molti visitatori.

L'incendio - sulle cui cause si stanno ancora svolgendo accertamenti -  ha arrecato danni considerevoli alla struttura, che al momento non potrà riprendere l'attività.

I fumi tossici hanno colto di sorpresa anche il titolare dell'attività, che è stato soccorso dal 118 e accompagnato in ospedale per ulteriori esami, ma che pare non aver subito gravi conseguenze per la salute.

«Un incendio che ha colpito un simbolo storico e culturale del nostro territorio. Per fortuna nessuno degli abitanti ha subito danni fisici gravi, ma siamo tutti veramente dispiaciuti». Gian Domenico Tomei, sindaco di Polinago, commenta così l'accaduto. «Dalle prime verifiche - aggiunge Tomei - è emerso che i danni strutturali sono confinati a una parte limitata dell'edificio, mentre per la parte restante, compresa la residenza, saranno necessari lavori di ripristino importanti ma potrà essere ripristinata. Insomma, nello sconcerto proviamo a essere fiduciosi e ci auguriamo che il mulino in futuro possa riaprire e riprendere l'attività, anche perché tre delle cinque macine si sono salvate così come la ruota esterna».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tomei conclude impegnandosi a «verificare anche la possibilità di organizzare iniziative di solidarietà a sostegno del recupero degli spazi e della ripresa dell'attività il più presto possibile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • L'ex Commissario Venturi si ricrede: "Il lockdown totale è stato un errore"

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Carpi, da domani attivi i nuovi fotored. Presto altri quattro incroci monitorati

Torna su
ModenaToday è in caricamento