rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Cronaca

Grano trasportato sugli stessi camion dei rifiuti, indagate 31 aziende

Bloccato il trasporto di grano su autocarri usati per rifiuti pericolosi: le indagini condotte dal Corpo Forestale dello Stato riguardano cinque regioni del nord Italia. Eseguite 56 perquisizioni

Grano trasportato in vani carico utilizzati per lo spostamento transnazionale di rifiuti speciali pericolosi. Questa la scoperta effettuata dal personale del Corpo forestale dello Stato appartenente al Nucleo Investigativo Provinciale di Polizia Ambientale e Forestale (NIPAF) di Reggio Emilia e alla Sezione anticrimine del Comando Regionale di Bologna a seguito di un'approfondita attività di polizia giudiziaria che ha riguardato 31 società di trasporto in conto terzi, sia italiane che straniere.

Le Regioni interessate dall'Operazione "Grano sicuro" della Forestale sono cinque, nello specifico l'Emilia-Romagna, la Lombardia, il Piemonte, il Trentino Alto Adige e il Veneto, per un totale di 21 province interessate. Eseguite 56 perquisizioni presso tutte le sedi delle imprese a vario titolo coinvolte.

Centottanta unità del Corpo forestale dello Stato hanno eseguito i decreti di perquisizione emessi dalla Procura della Repubblica di Reggio Emilia, finalizzati a raccogliere ulteriori elementi, ad acquisire la documentazione comprovante i gravi reati contestati alle società di trasporto ed a reprimere eventuali ulteriori condotte illecite.

Il personale della Forestale ha quindi sequestrato oltre 1000 quintali di grano sfuso ad uso alimentare e relativi vani di carico, di imprese di trasporto per le quali le indagini hanno indicato anche l'attività di trasporto di rifiuti speciali pericolosi. Come accertato in alcuni casi, tra i rifiuti pericolosi si è riscontrato anche l'amianto.

Le indagini di polizia coordinate dal Procuratore della Repubblica di Reggio Emilia, Giorgio Grandinetti e dal Pubblico Ministero, Valentina Salvi, hanno consentito di evidenziare casi nei quali stabilmente gli stessi vani di carico che trasportavano rifiuti speciali pericolosi, successivamente, in tempi ravvicinati, venivano caricati con alimenti sfusi, destinati al consumo umano. Tale procedimento consentiva alle imprese di ottimizzare l'utilizzo dei camion, che viaggiavano sempre pieni, sia dalle nazioni straniere (Germania, Austria) che dall'Italia, e che quindi potevano proporre prezzi concorrenziali per il trasporto delle merci alimentari e dei rifiuti, rispetto alle imprese di trasporto che osservano la normativa di settore, per la quale non è possibile utilizzare mezzi adibiti al trasporto di rifiuti pericolosi per gli alimenti. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grano trasportato sugli stessi camion dei rifiuti, indagate 31 aziende

ModenaToday è in caricamento