rotate-mobile
Incidenti stradali Carpi / Strada Statale Romana Nord

Carpi, fessure e avvallamenti: storia di strada Romana Nord

La Provincia è intervenuta ripetutamente per riparare i danni che si formano nel tratto che attraversa la frazione di Fossoli: il fondo stradale, particolarmente cedevole, ha costretto l'ente ad abbassare la velocità massima consentita a 50 chilometri orari

C'è qualcosa che non va se una singola strada, nel giro di neanche 24 ore, esige un tributo di sangue che consiste in due giovani vite umane. È il caso della provinciale 413 Romana nord a Fossoli di Carpi dove sabato 28 e domenica 29 settembre si sono verificati due gravi incidenti in cui rispettivamente hanno perso la vita il giovane studente Andrea De Pietri e la 22enne Greta Morellini. La Provincia è intervenuta ripetutamente anche di recente sulle fessure e avvallamenti che si formano di continuo. Nonostante questi lavori, in diversi punti della strada si sono riformati alcuni avvallamenti che, anche dopo un nuovo intervento fatto il mese scorso, non sono stati risolti del tutto, inducendo la Provincia a installare un cartello che segnala il problema. Egidio Pagani, assessore provinciale alle Infrastrutture, nell’esprimere “il profondo dolore per il grave lutto che ha colpito la famiglia De Pietri” sottolinea che “ogni volta che succedono incidenti così tragici, siamo chiamati a riflettere su come intensificare ulteriormente il nostro impegno sul fronte della sicurezza stradale. Soprattutto in tratti come questo dove occorre una cura costante e una attenzione praticamente quotidiana a causa delle difficoltà di tenuta  del fondo”.

In particolare nel tratto di Fossoli la Provincia ha eseguito nel 2012 un intervento strutturale sperimentale con l’iniezione di resine nel sottosuolo proprio nel tentativo di risolvere definitivamente il problema del continuo formarsi di avvallamenti  a causa delle particolari caratteristiche del terreno sottostante l’arteria. Intervento che ha migliorato la situazione nella gran parte del tratto; in agosto, inoltre, è stato eseguito un ulteriore intervento di manutenzione in due punti dove gli avvallamenti si erano formati di nuovo, uno questi è il tratto dove si è verificato l’incidente che ha coinvolto il giovane Andrea De Pietri (l’altro in un punto non lontano). Tuttavia ancora una volta il fondo non ha tenuto e gli avvallamenti si sono ripresentati e lo Provincia dopo un nuovo sopralluogo ha installato l’apposita segnaletica per indicare il problema. Proprio per le caratteristiche difficili del fondo nel tratto in questione la velocità massima consentita è stata ridotta da 90 chilometri orari a 50 chilometri. Nel piano di manutenzione straordinaria delle strade provinciali nell’area di Carpi, questo tratto era già stato inserito nell’elenco degli interventi da effettuare in autunno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carpi, fessure e avvallamenti: storia di strada Romana Nord

ModenaToday è in caricamento