Incidenti e auto fuori strada, stillicidio nella Bassa a causa del ghiaccio

Tanti incidenti questa mattina nelle area nord della provincia, dove Municipale e Carabinieri hanno fatto la spola tra diversi paesi. Fortunatamente nessun ferito

Le condizioni meteorologiche di questa mattina hanno reso la vita a dir poco difficile agli automobilisti che si sono messi in movimento lungo le strade della pianura modenese. All'abituale fitta nebbia ha fatto da corollario un sottile ma tenace strato di ghiaccio che durante la notte ha ricoperto tutto il territorio, rendendo le strade potenziali trappole, soprattutto se affrontate senza la dovuta cautela. Così, fin dalle prime ore del giorno, la Bassa è stata teatro di numerodi incidenti che hanno coinvolto decine di veicoli, nei territori compresi tra Concordia, San Possidonio e Mirandola in particolar modo.

Il fatto più eclatante si è verificato lungo via Verzola, una strada di campagna nel territorio di Mirandola. Qui si sono scontrati ben sette veicoli (in foto) alcuni dei quali sono finiti nei fossi a bordo strada. Il bilancio è positivo almeno sotto il profilo sanitario, dal momento che nessuno ha riportato traumi.

La Polizia Municipale dell'Area Nord è intervenuta su diversi casi analoghi: scontri dovuti alla limitata capacità di frenata, veicoli scivolati oltre la carreggiata a causa della scarsa aderenza, ma anche ciclisti e pedoni scivolati nei tratti urbani. 

Non è un caso che il Pronto Soccorso di Mirandola abbia registrato, già dalle prime ore del mattino, un incremento negli accessi rispetto alla media giornaliera. È stato raddoppiato fin dal mattino il turno medico in Pronto soccorso per far fronte alla domanda: dalle ore 6 alle ore 13.30 sono stati 19 i casi di traumi riconducibili all’ondata di gelo, di cui 4 fratture a polsi o caviglie a seguito di cadute e due relativi a incidenti stradali. Per ottimizzare l’assistenza, sono intervenuti anche una figura infermieristica dedicata, per agevolare il flusso dei pazienti, rimasta in Ps per tutta la mattina e, in appoggio alle operazioni di consulenza, anche un medico internista. Nel pomeriggio la situazione si è normalizzata. 

Inevitabilmente questa situazione di disagio così diffuso su un territorio relativamente vasto ha scatenato malumori e polemiche circa la mancata salatura preventiva delle strade da parte degli enti locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra "ribelle" GimFIVE di Modena Est riapre oggi. Arriva la polizia

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • Maxi sequestro a Modena Nord, fermato un Tir con 22 chili di cocaina

  • Coronavirus, percentuale positivi ancora alta in regione. Modena balza in testa

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

Torna su
ModenaToday è in caricamento