rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Cronaca Concordia sulla Secchia

Alice, l'ultima sera passata con un amico. E' indagato insieme al marito

Testimoni e videocamere ricostruiscono la serata di venerdì in un bar di Concordia insieme ad un conoscente. Due iscritti nel registro degli indagati

E' il conoscente ascoltato in caserma nelle scorse ore la figura chiave su cui al momento ruotano le indagini sulla morte di Alice Neri. Il giovane sarebbe infatti una delle ultime persone ad aver passato del tempo con la 32enne di Ravarino meno di 24 ore prima della terribile scoperta del cadavere della donna, all'interno del bagagliaio della sua auto in fiamme.

L'ultima sera a Concordia

Alice e l'amico hanno infatti trascorso insieme al serata e almeno la prima parte della notte tra giovedì e venerdì scorsi. Lo hanno fatto presso lo Smart Cafè di Concordia sulla Secchia, un bar alle porte del paese. Qui sono stati ripresi dalle telecamere, ma anche visti e ascoltati dai gestori del locale. Il titolare ha riferito la propria testimonianza agli inquirenti nelle scorse ore. 

I due avrebbero trascorso diverse ore al tavolino del bar, consumando alcolici. Un clima sereno, come ha riferito il barista, senza alcun apparente segno di attrito fra i due. 

Morte di Alice Neri, indagini serrate: sentiti famigliari e conoscenti

Le indagini proseguono

L'amico 30enne e il marito della donna sono al momento le due persone indagate nell'inchiesta condotta dai carabinieri coordinati dalla Pm Claudia Natalini. Si tratta a bene vedere più che altro di un atto dovuto, una necessitò dettata dalla legge per poter acquisire prove ed effettuare perquisizioni.

Gli investigatori dell'Arma stanno cercando di ricostruire gli spostamenti della vittima, che ha sempre utilizzato la propria auto. Era infatti giunta al bar di Concordia a bordo della Sua Ford Fiesta, per poi essere raggiunta dal 30enne. Al termine della serata - erano in realtà già le ore 2 di notte, orario di chiusura del locale - la 32enne sarebbe ripartita con l'auto, la stessa nella quale è stato ritrovato il suo cadavere circa 17ore più tardi.

Le telecamere pubbliche e private dell'area di Concordia potrebbero fornire indizi utili, ma l'area in cui è stata scoperta la tragedia è una zona isolata, in aperta campagna, non coperta dalla videosorveglianza.

Resta quindi da capire come la vittima sia giunta nei campi di via Valdisole e soprattutto se era sola o in compagnia del potenziale assassino. La Procura mantiene ovviamente l'assoluto riserbo sulle indagini e ufficialmente non è ancora possibile stabilire se si sia trattato di un delitto, ma le circostanze tendono a far propendere per questa potesi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alice, l'ultima sera passata con un amico. E' indagato insieme al marito

ModenaToday è in caricamento