rotate-mobile
Cronaca Sacca / Via G. Pico della Mirandola

Possesso illegale di farmaci stupefacenti, denunciato infermiere

È stato deferito dai Carabinieri un infermiere 28enne professionale di una clinica privata modenese: il giovane avrebbe trafugato marijuana, morfina e altre sostanze dal proprio luogo di lavoro

La scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Modena hanno denunciato a piede libero un 28enne modenese incensurato, infermiere professionale in servizio presso un ospedale privato convenzionato di Modena, che è ora accusato di ricettazione e possesso illegale di farmaci stupefacenti. Il giovane è stato fermato durante i controlli operati nel fine settimana dai militari dell’Arma che, sottoponendolo a perquisizione personale sul posto, lo hanno trovato in possesso di tre spinelli, già confezionati e contenenti marijuana, nonché di una fiala di morfina.

Per gli spinelli l’infermiere ha subito ammesso l’uso personale, ma nessuna plausibile spiegazione ha dato in ordine alla provenienza della morfina, un farmaco protetto di natura stupefacente che può essere rilasciato esclusivamente da strutture ospedaliere e dietro prescrizione medica di cui l’interessato non era munito. Considerata la particolare professione svolta dal fermato, i Carabinieri hanno deciso di effettuare immediatamente una perquisizione domiciliare a suo carico, per verificare l’eventuale possesso di altri quantitativi di droga o di farmaci stupefacenti. Ed effettivamente tale ipotesi ha avuto riscontro positivo, poiché, nascosti in un armadio occupato da divise ed indumenti professionali dell’infermiere, i militari hanno rinvenuto ulteriori 12 grammi circa di marijuana più 14 fiale contenenti farmaci stupefacenti di varie marche, tutti iscritti nelle apposite tabelle ministeriali del testo unico in materia di sostanze stupefacenti. Anche in questo caso è emerso che l’infermiere non era munito di nessun titolo, ricetta o prescrizione che giustificasse in tutto o in parte il possesso della rilevante quantità di medicinali stupefacenti, pertanto detenuti illegalmente.

Nel corso delle ricerche i Carabinieri hanno inoltre rinvenuto varie confezioni di farmaci comuni, sia soggetti che esenti da prescrizione medica, ma comunque tutte riportanti il timbro  “ad uso esclusivo ospedaliero” . Sulla base di tale circostanza, che già di per sé integra il reato di ricettazione, sono state avviate delle indagini per verificare la provenienza dei medicinali. L’ipotesi più probabile rimane comunque quella del furto sul luogo di lavoro. Nel frattempo tutte le sostanze rinvenute sono state sottoposte a sequestro e l’infermiere è stato deferito a piede libero alla Procura della Repubblica e contestualmente segnalato alla Prefettura, quale assuntore di marijuana. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Possesso illegale di farmaci stupefacenti, denunciato infermiere

ModenaToday è in caricamento