rotate-mobile
Cronaca Sassuolo

Coppia omosessuale maltrattata in commissariato, il caso archiviato finisce in Parlamento

La vicenda risale ad ormai quattro anni fa, ma dopo l'archiviazione dal parte del Tribunale è diventata un'interrogazione dell'on. Scalfarotto (Iv), seguita da un'altra di Vaccari (Pd)

Ivan Scalfarotto, capogruppo di Italia viva-Il Centro-Renew Europe, in Commissione Giustizia ha presentato un'interrogazione al ministro Nordio e al ministro Piantedosi "per far chiarezza riguardo l’archiviazione del caso della coppia omosessuale che ha denunciato percosse, umiliazioni e profilazione razziale e sessuale per mano della polizia nel commissariato di polizia di Sassuolo".

I fatti a cui si riferisce il deputato di Italia Viva sono stati resi nodi sulle pagine di Domani e riguardano un episodio avvenuto nel 2020, quando due ragazzi di origine straniera furono fermati e accompagnati in commissariato dai poliziotti. Secondo la loro denuncia, vennero umiliati e fatti spogliare nel corridoio. Uno di loro riportò anche una prognosi di venti giorni per lesioni

"Nonostante le plurime testimonianze, certificati medici e video, la procura di Modena ha chiesto l'archiviazione per il caso, accolta a fine 2023 dal gip. Gli stessi magistrati, peraltro, nell'archiviare segnalano il comportamento non consono e poco professionale di uno degli agenti indagati. Per quali ragioni la procura di Modena, in relazione ai fatti relativi alla coppia, ha ritenuto di affidare l’indagine ai colleghi degli indagati?", conclude Scalfarotto. Del caso dovrebbe occuparsi anche la Corte Europea a seguito di un ricorso.

Oggi si è aggiunta anche la richiesta del deputato modenese del Partito Democratico Stefano Vaccari, che ha a sua volta presentato un'interrogazione al Ministro degli Interni. “I ragazzi – ricostruisce l’esponente Dem nel testo della sua interrogazione - vengono  liberati  dopo un passaggio alla Questura,  riottengono i cellulari e, dall’analisi dei dati, scoprono che gli stessi erano stati manipolati. Successivamente decidono di recarsi presso il pronto soccorso, dove a uno dei due vengono refertati diversi traumi e diagnosticata una prognosi di venti giorni; del caso si occuperà la Corte europea dei diritti dell’uomo, chiamata in causa dai legali dei due ragazzi che denunciano di aver subito violenze fisiche e psicologiche, umiliazioni e profilazione razziale e sessuale da parte degli agenti di polizia di Sassuolo.”

“Con tutta evidenza – conclude Vaccari – si tratta di una vicenda dai contorni poco chiari, ove i fatti, se fossero confermati, sarebbero di inaudita gravità. Oltre alla Corte europea, credo sia dovere del Governo, proprio per difendere l’onorabilità delle forze dell’ordine, indagando e non tollerando abusi di potere da parte di alcun esponente in divisa, fare chiarezza su quanto avvenuto in quella circostanza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coppia omosessuale maltrattata in commissariato, il caso archiviato finisce in Parlamento

ModenaToday è in caricamento