rotate-mobile
Cronaca Ospedale Universitario / Piazza Pozzo

Ausl e Policlinico, investimento di 145 milioni nella sanità modenese

Le due Aziende sanitarie modenesi impiegheranno questa cifra tra il ripristino delle strutture colpite dal sisma e i progetti fissati dalla programmazione sanitaria del Piano Attuativo Locale

Risorse pari a quasi 145 milioni di euro saranno messe in campo da Azienda Usl e Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico. Le due Aziende sanitarie modenesi impiegheranno questa cifra tra il ripristino delle strutture colpite dal sisma e i progetti fissati dalla programmazione sanitaria del Piano Attuativo Locale.

Partiamo dal sisma dell’Area Nord: 39 milioni di euro per la rimessa in piedi dell’ospedale di Mirandola (18 milioni), quello di Carpi (10,6 milioni), dell’ospedale-Casa della Salute di Finale (5 milioni) e delle altre sedi dei distretti di Mirandola e Carpi (per oltre 6 milioni di euro), in particolare a Concordia, Soliera, a Mirandola (Centro Servizi) e San Felice, dove la Rsa dovrà essere demolita e ricostruita. Infine 7,9 milioni di euro a saldo delle spese sostenute nell’area del sisma per “la gestione dell’emergenza, come l’acquisto o affitto di beni e strutture, la predisposizione e gestione dei Punti Medici Avanzati e altre strutture provvisorie, il temporaneo bisogno di ulteriori professionisti, sanitari e non”.  Il Policlinico di Modena richiederà per consolidamento struttura interna ed esterna circa 74,8 milioni di euro finanziati in parte dal fondo di solidarietà dell’Unione Europea (14 milioni di euro), dai fondi per la ricostruzione e da altre fonti. Confermata la programmazione del Pal (Piano Attuativo Locale 2011-2013).

Per quanto riguarda la Rete delle cure primarie, confermate le attivazioni di Case della Salute entro il 2013 a Fanano, Montefiorino, Pievepelago, Finale e Bomporto. E si stanno valutando strutture anche a Cavezzo, Concordia, Novi/Rovereto, Castelfranco Emilia e Modena. Verrà riorganizzata e migliorata l’assistenza specialistica per le urgenze garantita entro 24 ore; verrà rafforzato il personale delle strutture ospedaliere e per quanto riguarda la Rete delle Cure Palliative e della Terapia del Dolore saranno definiti 3 hospice in provincia, in ciascun area territoriale (Nord, Centro e Sud) con la funzione di accogliere malati sia di tipo oncologico che affetti da patologie cronico degenerative in fase avanzata. E ancora, 4 nuovi dipartimenti interaziendali fra Ausl e Policlinico: Malattie Cardiache e Vascolari, Medicina di Laboratorio; Diagnostica per immagini e Farmaceutico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ausl e Policlinico, investimento di 145 milioni nella sanità modenese

ModenaToday è in caricamento