menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di www.mondimedievali.net

foto di www.mondimedievali.net

Itinerari Modenesi | I 5 castelli diroccati più affascinanti

Dopo avervi svelato i castelli più belli della Bassa, della Terra dei Castelli e dell'Appennino, ecco i 5 castelli diroccati più affascinanti del nostro territorio modenese

Dopo avervi svelato i castelli più belli della Bassa, della Terra dei Castelli e dell'Appennino, ecco i 5 castelli diroccati più affascinanti del nostro territorio modenese:

CASTELLUCCIO DI MOSCHEDA. Dell'importante castello di Monte Belvedere si conservano ggi solo i ruderi dal fascino antico. All'altitudine di 1140 m, il maniero si trova sulla cima del Monte Belvedere. Accanto al castello si trova la croce del sacrificio di Olivia, una trise leggenda che però riesce a rievocare quel senso di misterioso che il monte è capace di raccontare con i suoi boschi e tramite le storie popolari. Per raggiungere il castello diroccato basta prendere il sentiero n°400/4.

LA TORRE DI GAIATO. Gaiato è noto per l'asprezza del paesaggio che riesce a rievocare i luoghi cinematografici dei film fantasy ambientati nel periodo medioevale. In quel luogo sorgeva un importante castello, di cui però è rimasta solo la torre di Gaiato, costruita sulla sommità di un monte dalla singolare forma conica, in quanto è il luogo più alto del territorio di Pavullo. Interessante anche visitare la parte antica di Gaiato,  che nelle sue poche case è capace di raccontare il basso medioevo modenese. 

IL CASTELLO DI GOMBOLA. Situato nel comune di Polignano, il castello di Gombola è una delle fortezze diroccate più affascinanti del nostro territorio. Edificato per controllare il dominio della valle del torrente Rossenna, oggi ne rimane solo la Podesteria, ovvero la casa del Podestà del paese. Tuttavia sono rimasti intatti in parte integri i pavimenti in pietra e legno, parte delle prigioni, le scalette anguste e la veranda. 

CASTELLO DI IDDIANO. Del castello edificato nel 1630 restano solo alcuni elementi significativi, ma che comunque riescono a rievocare il fascino di quella fortezza costruita sul ciglio del poggio. L'elemento più importante del castello è la torre di Iddiano con pianta rettangolare e con muratura del tipo "a filaretto". 

ROCCA DI MONTEBARANZONE. A pochi chilometri dal comune di Prignano si trova il paese di Montebaranzone, che a 500 metri di altitudine sfoggia i resti di un'antica rocca risalente già al XIV secolo, ma c'è chi parla di strutture di fortificazione già agli inizi del XII secolo.  Della fortificazione matildica oggi non restano che pochi ruderi, visibili sulla cima del monte Castello. Lungo il rapido percorso che porta al borgo si notano tracce di una casa torre con finestrella monolitica, mentre più avanti alcune case conservano traccia di portali trecenteschi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento