rotate-mobile
Cronaca

Manutenzioni estive, nelle scuole modenesi spesi 1,6 milioni

Risparmio energetico, miglioramento del comfort e qualche intervento strutturale. Quando gli studenti stanno a casa, a scuola arrivano gli operai

Per migliorare qualità, comfort e il risparmio energetico degli edifici delle scuole superiori modenesi, la Provincia nel periodo estivo ha eseguito lavori per complessivi un milione e 400 mila euro, di cui 800 mila per 15 nuove centrali termiche in altrettanti istituti e 600 mila per manutenzioni. A questi lavori si aggiungono gli interventi eseguiti e finanziati dalla Cpl di Concordia che si è aggiudicata l'appalto con il quale la Provincia ha affidato ad un'unica impresa la gestione degli impianti termici dei 93 edifici di proprietà tra scuole, palestre e uffici. L'appalto prevedeva, appunto, una serie di interventi nelle scuole a carico della ditta vincitrice.

Tra i lavori eseguiti spiccano il nuovo look con rivestimento "a cappotto" al Cattaneo in viale Schiocchi a Modena, al Guarini e al Wiligelmo; l'intervento al liceo Tassoni di Modena di ristrutturazione del seminterrato e il rifacimento dell'impianto idrico e del trattamento dell'aria, i lavori alla palestra dell'istituto Corni nel polo Leonardo Da Vinci, il consolidamento e riqualificazione di parte del seminterrato dell'istituto Barozzi di Modena; poi le nuove coperture Don Magnani e i nuovi infissi e coperture al Volta e al Formiggini a Sassuolo; l'impianto di ventilazione controllata per il recupero di calore allo Spallanzani di Monteombraro, e le strisce termoradianti nei laboratori del Vallauri di Carpi, oltre ai pannelli solari termici per l'acqua calda degli spogliatoi in diverse palestre. E da ottobre partono i lavori di adeguamento sismico delle due palestre del Baggi che completa un analogo intervento sull'edificio provinciale.

La Provincia, inoltre ha come obiettivo il via in autunno dei lavori, costo due milioni e 577 mila euro, per la messa in sicurezza della sede dell'istituto Venturi di via dei Servi a Modena, anche questa gravemente danneggiata dal sisma; nel frattempo l'istituto continuerà ad utilizzare le sedi distaccate di via Sgarzeria e di via Rainusso. 

Intanto partono la prossima settimana i lavori di ristrutturazione della sede dell'ex Deledda che dall’anno scolastico 2015-2016 sarà destinata al Venturi al posto della sede di via Rainusso. Stanno per partire anche i lavori di ricostruzione della palazzina ex Bidinelli, attigua all'istituto Fermi costo di 1 milione e 400 mila euro In attesa dei nuovi locali, anche per il prossimo anno scolastico il Fermi utilizza sette aule in una succursale al liceo Wiligelmo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manutenzioni estive, nelle scuole modenesi spesi 1,6 milioni

ModenaToday è in caricamento