rotate-mobile
Cronaca Piazza della Torre

Lavori, Ghirlanda: nuovi controlli con l'"assestimetro profondo"

Continuano fino a mercoledì i lavori per installare il nuovo strumento utile per il monitoraggio dei movimenti verticali della Torre Civica: 17 mila euro il costo totale dell'impianto e dell'opera di allestimento

Si chiama “assestimetro profondo” e da 55 metri sottoterra invierà dati a un sistema informatico per tenere sotto controllo i movimenti verticali della Ghirlandina. I lavori per installare il nuovo strumento sono iniziati nella mattina di oggi, lunedì 16 aprile, e proseguiranno fino a mercoledì 18. L'attività di monitoraggio della Torre e del Duomo per controllarne il comportamento nel tempo è iniziata nel 2003 ed è curata dal settore Lavori pubblici del Comune, assieme al Capitolo metropolitano.

STRUMENTAZIONE - Collocato sul lato ovest della Torre, il nuovo assestimetro completerà una rete di meccanismi di rilevazione composta, all'interno della Ghirlandina, da un pendolo per valutare le variazioni dell'inclinazione, quattro piezometri per controllare il livello della falda acquifera, un termometro, un anemomentro e altri tre assestimetri. Due distanziometri monitorano la stabilità degli archi che collegano la Torre al Duomo. All'interno della Cattedrale sono installati anche cinque misuratori di giunti biassiali e triassiali, tre assestimetri nelle absidi e uno nella parete nord, e infine due pendoli in corrispondenza dell'organo. Il “fuori piombo” della Torre è di un metro e sessanta centimetri, ma ci possono essere spostamenti, nell'ordine di pochi millimetri, sia nell'arco della giornata sia nelle stagioni, dovuti sia a movimenti tellurici sia, per esempio, alla temperatura. Il controllo avviene in tempo reale e in modo continuativo: gli strumenti inviano i dati rilevati a una pagina web che può essere visitata solo dai tecnici abilitati.

COSTI - Dell'equipe che segue l'installazione del nuovo assestimetro fa parte il professor Renato Lancellotta del Politecnico di Torino, che negli ultimi anni si è occupato anche degli interventi geotecnici sulla Torre di Pisa. Lo strumento e la sua installazione costano in tutto 17 mila euro, mentre la manutenzione e la gestione di tutta la rete di meccanismi di rilevazione, sia per il Duomo sia per la Ghirlandina, ha un costo di 11 mila euro l'anno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori, Ghirlanda: nuovi controlli con l'"assestimetro profondo"

ModenaToday è in caricamento