rotate-mobile
Cronaca Via dei Servi

Istituto Venturi, in autunno via ai lavori della sede in via dei Servi

Dopo i danni del sisma aprirà il cantiere in via dei Servi, per rendere agibile la sede storica dell'Istituto d'Arte, che ora resta in via Sgarzeria e via Rainusso. In attesa del via anche l'edificazione del nuovo edificio al posto della palazzina Ex Bidinelli

I lavori per la messa in sicurezza della sede dell'istituto Venturi di via dei Servi a Modena, gravemente danneggiata dal sisma del 2012, partiranno entro il prossimo autunno. E' questo l'obiettivo della Provincia che punta a realizzare la gara d'appalto entro l'estate, una volta acquisite le autorizzazioni. Nel frattempo anche per il prossimo anno scolastico l'istituto continuerà ad utilizzare le sedi distaccate di via Sgarzeria e di via Rainusso; nei giorni scorsi la Provincia ha approvato il prolungamento del comodato oneroso dello stabile in via Sgarzeria, di proprietà dell'istituto delle Suore Domenicane, con un costo di 220mila euro all'anno.

"L’intervento in via dei Servi - sottolinea Egidio Pagani, assessore provinciale alle Infrastrutture - ha già il finanziamento necessario di due milioni e 577 mila euro. Intanto sono iniziati i lavori di ristrutturazione della sede dell'ex Deledda che dall’anno scolastico 2015-2016 sarà destinata al Venturi al posto della sede di via Rainusso. Nel piano della Provincia per il ripristino delle scuole superiori di Modena colpite dal sisma figura anche la ricostruzione della palazzina ex Bidinelli, attigua all'istituto Fermi".

La palazzina ex Bidinelli, infatti, a causa dei danni del sisma, è già stata demolita e la struttura sarà ricostruita come ampliamento dell’edificio storico, con un costo di 1 milione e 400 mila euro ai quali contribuirà la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con 500 mila euro. Il progetto della Provincia è già pronto ed è in attesa della autorizzazione sismica da parte del Comune che dovrebbe arrivare la prossima settimana. Una volta completata la procedura di appalto, i lavori potrebbero iniziare entro il prossimo settembre. Grazie alla nuova struttura che sarà a supporto del nuovo indirizzo di chimica, biotecnologie e materiali, l'istituto potrà dotarsi di un polo d’eccellenza per il sostegno al settore agroalimentare. Il nuovo edificio sarà composto da otto nuove aule e tre laboratori in grado di dare un’adeguata risposta alle esigenze didattiche di 200 alunni. Il nuovo laboratorio per analisi agroalimentari sarà dedicato allo studio della qualità delle eccellenze alimentari modenesi, prima fra tutte l’aceto balsamico. In attesa dei nuovi locali, anche per il prossimo anno scolastico il Fermi utilizza sette aule in una succursale al liceo Wiligelmo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Istituto Venturi, in autunno via ai lavori della sede in via dei Servi

ModenaToday è in caricamento