rotate-mobile
Cronaca Carpi

Nove lavoratori irregolari, chiusura in vista per una stireria cinese di Carpi

Su un totale di 16 dipendenti dell'azienda, sei erano in nero e tre in "grigio". Intervento della Guardia di Finanza insieme alla Polizia di Stato. Multa per oltre 100mila euro

Proseguono i controlli sul lavoro diretti alle numerose imprese gestite da cittadini cinesi nel distretto tessile di Carpi. Più e più volte negli ultimi mesi queste ditte sono finite nei guai con l'Ispettorato del Lavoro per assunzioni irregolari di personale e per le cattive condizioni di lavoro all'interno dei locali, talvolta fatiscenti o affiancati da veri e propri dormitori per i lavoratori.

Nei giorni scorsi è stata effettuata dalle Fiamme Gialle un’ispezione, congiuntamente con il Commissariato di PS di Carpi, nel comune di Carpi nei confronti di un’azienda esercente l’attività “di stiro, ripasso e imbusto”: una stireria gestita per l'appunto da una cittadina cinese. Al termine del controllo sono stati individuati 6 lavoratori in nero (di origine italiana, cinese e pakistana) e 3 lavoratori in grigio (di origine pakistana e cinese) su un totale di 16 lavoratori presenti nel laboratorio.

Per la titolare della ditta utilizzatrice dei lavoratori irregolari, oltre all’applicazione della maxi-sanzione da 1.950 a 15.600 euro per ciascun lavoratore, è scattata la segnalazione alla competente direzione provinciale del lavoro che prevede la sospensione delle attività imprenditoriali che impiegano personale non in regola in misura pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro all’atto del controllo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nove lavoratori irregolari, chiusura in vista per una stireria cinese di Carpi

ModenaToday è in caricamento