rotate-mobile
Cronaca Via Paolo Ferrari

Fondazione Museo Ferrari, Mara Bernardini eletta presidente

l'Ex Direttore Generale del Comune e attuale membro del CdA Hera approda alla guida della Fondazione Casa Natale Enzo Ferrari: una scelta che avvicina Amministrazione e Mef, in attesa dell'arrivo della Ferrari nella gestione del museo

Ad una settimana dalle dimissioni di Mauro Tedeschini a seguito del nuovo accordo per la gestione del Museo Casa Natale affidata a Ferrari, il Consiglio Generale della Fondazione ha deliberato la nomina di Mara Bernardini come Presidente. La gestione di questa delicata fase transitoria viene dunque affidata ad un nome molto noto a Modena, quello della dottoressa Bernardini, con un lungo curriculum negli enti pubblici, nell'Azienda Sanitaria e in Hera. A coadiuvarla saranno i neoletti Vicepresidenti, Matteo Panini e Mario Righini, storici collezionisti d'auto e già membri del Consiglio Generale.

Mara Bernardini, modenese classe '57, è come detto un volto ben conosciuto in città e in regione. La sua carriera professionale a stretto contatto con la pubblica amministrazione è costellata di incarichi molto significativi, specialmente nel campo della sanità, degli enti locali e delle società partecipate. Laureata in Giurisprudenza, è stata dirigente di diverse strutture sanitarie Usl in regione, della Comunità Montana del Frignano, Direttore Generale del Comune di Modena per 11 anni, nonché protagonista di molte trasformazioni societarie, tra cui quelle di Farmacie Comunali, Atcm e Meta. Oggi svolge attività di consulenza in libera professione ed è membro del Consiglio di Amministrazione di Hera S.p.A dal 2006.

L'elezione della Bernardini è sicuramente un segno di forte discontinuità con la precedente gestione rappresentata da Mauro Tedeschini, persona proveniente dal mondo specialistico dei motori e lontana da legami con le realtà politiche ed economiche locali. Pare invece che il nuovo Presidente abbia tutte le caratteristiche per legare ancora più strettamente l'operato della Fondazione a quello dell'Amministrazione modenese e del suo tessuto economico di riferimento.

Non a caso il Sindaco Giorgio Pighi è stato solerte nel diramare una nota con la quale Mara Bernardini viene definita “la migliore interprete” possibile per il ruolo rimasto vacante. “Da gennaio, con l’avvio della nuova gestione da parte della società del Cavallino, il compito della Fondazione – ha spiegato Pighi – deve necessariamente cambiare e Mara Bernardini ha tutte le caratteristiche per avviare e gestire il percorso di verifica e di proposta che si apre in questa fase. Il tema del motorismo sportivo, della tradizione e delle prospettive di questo settore fondamentale per la nostra economia, deve trovare una collocazione adeguata – sottolinea il sindaco – nel contesto più ampio delle attività di promozione delle eccellenze modenesi”. L'impressione è che nella definizione del Sindaco "collocazione adeguata" si trovi molto del futuro del Mef e sui suoi protagonisti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Museo Ferrari, Mara Bernardini eletta presidente

ModenaToday è in caricamento