Trattamenti terapeutici abusivi, tre denunce in un centro massaggi cinese

Il titolare è due lavoratrici, tutti cinesi, sono stati deferito per esercizio abusivo della professione medica

Foto di repertorio

Proseguono i controlli negli esercizi gestiti da cittadini cinesi nel territorio di Formigine, che nei mesi scorsi hanno visto numerose sanzioni da parte di Municipale e Carabinieri per le irregolarità più varie. Nei giorni scorsi sono stati i militari del Nas ad effettuare una perquisizione in un centro massaggi Tuina, uno dei numerosi esercizi di questo genere aperti con sempre maggiore frequenza negli ultimi anni. La verifica igienico sanitaria ha fatto emergere uno sola, ma significativa irregolarità.

I Carabinieri hanno infatti denunciato tre persone, tutti cittadini cinesi, per il reato di esercizio abusivo della professione medica in concorso tra loro. Si tratta del legale rappresentante dell'azienda, un 37enne, e due lavoratrici che si trovavano in quel momento all'interno del negozio, rispettivamente di 51 e 52 anni. 

Le due donne stavano infatti praticando un massaggio terapeutico ad un cliente, che a suo dire si era recato lì proprio per quello specifico trattamento. La legge italiana impone però che determinati massaggi, quelli terapeutici appunto, possano essere eseguito soltanto da persone con una qualifica medico-sanitaria, di cui le due cittadine orientali erano sprovviste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra "ribelle" GimFIVE di Modena Est riapre oggi. Arriva la polizia

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Maxi sequestro a Modena Nord, fermato un Tir con 22 chili di cocaina

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

Torna su
ModenaToday è in caricamento