rotate-mobile
Cronaca Spilamberto

Spilamberto, cittadinanza onoraria per lo chef Massimo Bottura

Il conferimento sancisce lo straordinario rapporto di collaborazione tra Bottura, il Museo dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, la Consorteria dell'Aceto balsamico e il Comune di Spilamberto

Ennesimo riconoscimento per Massimo Bottura, lo chef modenese che con l'osteria Francescana ha ottenuto il riconoscimento delle tre stelle Michelin e il terzo posto assoluto nella classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo: nella giornata di sabato 12 ottobre riceverà la cittadinanza onoraria di Spilamberto, culla dell'aceto balsamico.

Il conferimento sancisce lo straordinario rapporto di collaborazione tra Bottura, il Museo dell'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, la Consorteria dell'Aceto balsamico e il Comune di Spilamberto, che dal 2008 tiene 'a balia' la batteria di vaselli che è stata affidata alle sapienti cure dei maestri. Bottura, si spiega in una nota, ha saputo declinare e valorizzare in modo originale e diversificato l'aceto balsamico tradizione in tante creazioni culinarie. Per tutti questi motivi il Comune di Spilamberto ha deciso di conferire, su proposta della Consorteria, "il riconoscimento della cittadinanza alla persona che con il suo lavoro e la sua arte diffonde nel mondo il lavoro di promozione e tutela della cultura dell'ABTM, attività iniziata nel lontano 1967 grazie agli spilambertesi e alla sua Consorteria". La giornata del conferimento della cittadinanza a Bottura coincide con l'inaugurazione del nuovo spazio dedicato al Laboratorio dimostrativo del Museo dell'Aceto Balsamico tradizionale di Modena, realizzato nel locale seminterrato dell'ala nord della Rocca Rangoni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spilamberto, cittadinanza onoraria per lo chef Massimo Bottura

ModenaToday è in caricamento