Monsignor Lanfranchi: “Pasqua, la festa di un nuovo inizio”

L'Arcivescovo di Modena e Nonantola rivolge gli auguri a tutti i fedeli della diocesi e introduce le celebrazioni della Santa Pasqua con un messaggio evangelico

Cristo in croce (Miguel Foto)

Buona Pasqua! Vorrei che questo augurio portasse a tutti la speranza e il desiderio di una vita nuova. É l’augurio che faccio soprattutto a coloro che si trovano sul Calvario, inchiodati al legno  delle loro sofferenze e che faticano a credere che possa tornare il giorno nella notte della loro vita.

So che è più facile “sentire” il Natale, che la Pasqua. Questo non deve sminuire l’importanza della Pasqua. Dice l’annuncio pasquale: “Cristo è risorto” (1 Cor 15,20). E per la Chiesa è l’annuncio fondamentale del Vangelo, la vera notizia che ha cambiato l’ordine del mondo. Senza la Pasqua, non si riesce a capire neppure il Natale in senso cristiano. Il Natale appartiene agli inizi, la Pasqua al compimento. Con il Natale inizia un’avventura che deve portare alla Pasqua. Con la Pasqua si inaugura il tempo del compimento, quando il disegno di Dio a favore della salvezza dell’uomo viene portato alla perfezione.

Il Vangelo di Pasqua ci dice “il Crocifisso è risorto” (Mc 16, 6). Le due parole vanno tenute strettamente unite: crocifisso-risorto; è risorto, proprio lui, quello che era stato messo in croce; anzi è risorto proprio perché era stato messo in croce. “Gli uomini lo hanno ucciso, ma Dio lo ha risuscitato” (cfr. At 2, 23-24); gli uomini l’hanno espulso dalla storia, ma Dio lo ha costituito signore della storia. Nel senso che la storia trova proprio in Lui, nel «Crocifisso risorto», il suo significato. La crocifissione di Gesù è l’uccisione di un innocente, uno dei tanti crimini che hanno intristito la storia dell’uomo sulla terra. Ma è, nello stesso tempo, una scelta di amore portata fino all’estremo limite.

Di fronte alla violenza degli uomini, anziché rispondere con una violenza opposta, egli ha accettato di subire affidando la sua difesa a Dio. Le ultime parole di Gesù in croce sono “Tutto è compiuto! (Gv 19,30 ). Padre , nelle tue mani consegno il mio spirito” (Lc 23,45).

Tutto è compiuto. La missione affidata dal Padre a Gesù è stata portata a compimento secondo il suo volere. Tutte le angosce dell’umanità di ogni tempo, schiava del peccato e della morte, tutte le implorazioni e le intercessioni della storia della salvezza confluiscono in questo grido del Crocifisso. Il Giusto, condannato ingiustamente, che si è caricato di tutte le nostre sofferenze, ci insegna a sperare contro ogni speranza, a sentire che le mani di Dio sono più forti di qualsiasi mano potente degli uomini, più forte di ogni tentazione che possa sopraggiungere e abbattersi su di noi.

Dopo le ultime parole di Gesù in croce,  tutto il dolore della passione sembra acquietarsi, come la terra che, dopo aver accolto il seme  nel solco, attende nella pace che esso germogli. É l’ora zero della storia, l’ora che dà inizio al Giorno nuovo, a un tempo nuovo, l’ora in cui è introdotto nella storia un nuovo principio di umanità. É l’ora del “grande silenzio”, che precede e prepara l’erompere dal cuore dell’Alleluia  Pasquale.

Benedetto XVI ci ricorda: “La risurrezione di Cristo non è un semplice ritorno alla nostra vita terrena, è invece la più grande “mutazione” mai accaduta, il “salto” decisivo verso una dimensione di vita profondamente nuova, l’ingresso in un ordine decisamente diverso, che riguarda anzitutto Gesù di Nazaret, ma con lui anche noi, tutta la famiglia umana, la storia e l’intero universo”. La Pasqua è sempre la festa di un nuovo inizio. Prepariamola con il “grande silenzio” del sabato santo e accostiamoci ad essa con speranza e gioia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Dpcm Natale 2020, approvato il decreto che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

Torna su
ModenaToday è in caricamento