rotate-mobile
Cronaca Via Divisione Acqui / Via Giovanni Palatucci

Troppa burocrazia, protesta del Coordinamento Migranti in Questura

Un gruppo di circa 30 persone ha manifestato lungo via Divisione Acqui, per chiedere snellimento dei tempi e meno burocrazia per ottenere il permesso di soggiorno e contro la Bossi-Fini. Con loro anche gli anarchici

Erano circa una trentina gli stranieri che questa mattina si sono dati appuntamento davanti alla Questura di Modena. Erano i membri del Coordinamento Migranti, provenienti principalmente da fuori Modena, che hanno esteso la loro protesta anche agli uffici dell'Immigrazione di via Palatucci, srotolando uno striscione e esponendo cartelli inneggianti ai diritti e all'abolizione della legge Bossi-Fini, che regola ancora oggi le norme sull'afflusso nel nostro paese.

La protesta dei Migranti – ai quali si sono uniti anche alcuni anarchici, protagonisti degli scontri della scorsa notte a Formigine – ha messo nel mirino le procedure burocratiche complesse e i lunghi tempi d'attesa necessari per ottenere il permesso di soggiorno o il rinnovo dello stesso. Una delegazione dei manifestanti è anche stata ricevuta dai vertici della Questura per un rapido confronto.

“Noi migranti di Modena e provincia abbiamo deciso di scendere in piazza insieme al Coordinamento Migranti per prendere parola contro le male pratiche della Questura di Modena – si legge sul volantino distribuito dai manifestanti - Sappiamo che saremo liberi di muoverci e costruire il futuro nostro e dei nostri figli soltanto quando avremo abolito la legge Bossi-Fini, quando non saremo più costretti a rinnovare il permesso. Sappiamo però anche che – a Modena come a Bologna – la Questura gestisce le pratiche di rinnovo del permesso, la concessione della carta di soggiorno e i ricongiungimenti familiari rendendo sempre più difficile la nostra permanenza in questo paese”.

Sul fronte delle rivendicazioni più concerete vi sono quelle di giorni prefissati e prenotabili per il disbrigo delle pratiche, ma anche un comportamento più corretto da parte del personale della Questura. “Non accettiamo che, con un contratto di lavoro a tempo indeterminato, la Questura rilasci permessi della durata di un anno, mentre la legge prevede fino a 2 anni -proseguono il Coordinamento Migranti - Non accettiamo che, con un contratto di lavoro di 2/3 mesi, la Questura rilasci un permesso per attesa occupazione invece di un regolare permesso di lavoro. Non accettiamo che i permessi rimangano bloccati perché la Questura controlla i contributi INPS, anche se non esiste alcuna legge che lega il rinnovo ai contributi effettivamente versati dai datori di lavoro”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppa burocrazia, protesta del Coordinamento Migranti in Questura

ModenaToday è in caricamento