Cena aziendale degenera, minaccia il collega armato di coltello e forchettone

Un 31enne di Castelnuovo Rangone ha minacciato un collega durante la cena presso l'azienda padovana per cui lavora. Intervenuti i carabinieri

Doveva essere una serata di allegria, che si è invece conclusa con un grosso spavento e una denuncia. Il parapiglia è scoppiato attorno alle 22 di giovedì nei locali di un'azienda con sede in via Magellano a Trebaseleghe, nel Padovano. Lì si erano riuniti dirigenti e dipendenti per una cena aziendale, ma tra due operai è nato un acceso diverbio culminato con offese e minacce.

Secondo quanto raccolto dalle testimonianze dei presenti, a ingaggiare il confronto sarebbe stato un 31enne marocchino proveniente dal modenese che dalle parole è passato ai fatti, brandendo un coltello da cucina e un forchettone da barbecue per minacciare un 23enne albanese. Quella che poteva sembrare una goliardata si è ben presto trasformata in un momento di terrore per chi assisteva alla scena.

Con il nordafricano fuori si sé, qualcuno ha preferito chiamare i carabinieri, che quando sono arrivati sul posto hanno placato gli animi e sequestrato le due posate ancora nelle mani del 31enne. O.T., residente a Castelnuovo Rangone, è stato accompagnato in caserma e denunciato per minaccia aggravata. Nessun particolare motivo o pregresso è stato individuato all'origine del litigio, che fortunatamente non ha avuto conseguenze fisiche per nessuno dei presenti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagiati. Casi anche a Sassuolo e Maranello

  • Coronavirus, raggiunta quota 47 contagi in regione. A Modena sono 8 gli ammalati

Torna su
ModenaToday è in caricamento