Moglie e figlio diventano Testimoni di Geova, settantenne li minaccia di morte

L'uomo è stato fermato dai Carabinieri a Mirandola, dopo aver minacciato con un grosso coltello i due famigliari, "colpevoli" di una conversione religiosa

La scorsa notte i carabinieri di Mirandola hanno fermato con l’accusa di minacce gravi un settantenne residente in città, di nazionalità armena, individuato in strada a ridosso della sua abitazione al culmine di un litigio avuto con la moglie e col figlio.

L’uomo, poco prima, avendo appreso daifamigliari della loro recente scelta di convertirsi al credo dei Testimoni di Geova: una notizia che lo ha fatto andare su tutte le durie. Il settantenne ha impugnato un coltello lungo ben mezzo metro e ha minacciato di morte moglie e figlio. Questi sono fortunatamente riusciti a scappare in tempo dall'appartamento richiamando l‘attenzione del vicinato che ha allertato i carabinieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il signore è stato sottoposto a fermo e l’arma sequestrata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • Coronavirus, 13 nuovi positivi asintomatici in Regione. Undici i decessi

  • Finale Emilia. Tentato omicidio per motivi passionali, arrestato un 54enne

Torna su
ModenaToday è in caricamento