"MoPensaLed", il Comune risparmierà 200 mila euro su illuminazione pubblica

MoPensaLed è il progetto dell'Assessore Guerzoni con cui si intende risparmiare 200mila euro rispetto al 2014. Attraverso questo progetto sarà possibile ridurre le emissioni utilizzando nuove tecnologie

E' possibile realizzare un risparmio economico a parità di ore di accensione dell’illuminazione pubblica, migliorando a performance ambientale, riducendo le emissioni, e la qualità del servizio ai cittadini, per utilizzare sulla rete modenese le più recenti tecnologie dell’illuminazione? Si e verrà fatto con il progetto “MoPensaLed” 2015-2023, presentato nel Consiglio comunale di giovedì 18 dicembre dall’assessore all’Ambiente Giulio Guerzoni e approvato con il voto favorevole di Pd, Sel e M5s. Contrario il gruppo di FI, astenuto Ncd.

RIDURRE LE EMISSIONI. “Questo piano – ha spiegato l’assessore Guerzoni è una delle scelte strategiche dell’amministrazione. L’illuminazione pubblica è un servizio che ha implicazioni importanti sia sotto l’aspetto ambientale, e da qui l’obiettivo di ridurre le emissioni utilizzando le tecnologie più moderne a disposizione, che sotto quello economico. Per questo abbiamo attivato un contratto di servizio con Hera che comporta un risparmio economico per il Comune, innescando pratiche virtuose sul medio periodo, senza diminuire le ore di accensione dei lampioni”.

RISPARMIO DI 200MILA EURO. La spesa complessiva prevista per il 2015 è di 6 milioni 400 mila euro, con un risparmio di 200 mila euro rispetto al 2014. Il nome del piano “MoPensaLed” deriva dall’impegno chiesto al gestore, Hera, di realizzare interventi di efficientamento energetico e di qualità soprattutto attraverso la sostituzione di più del 40 per cento di corpi illuminanti, non meno di 13.200 punti luce nell’arco dei nove anni di durata del contratto per un investimento complessivo a carico di Hera di oltre cinque milioni di euro, con tecnologia Led. Su questo tema, durante la seduta consiliare, il gruppo Pd ha presentato un ordine del giorno, illustrato da Grazia Baracchi, che chiede di concordare anno per anno con Hera le zone sulle quali intervenire privilegiando quelle in cui l’illuminazione rientra in progetti specifici di viabilità, sicurezza e decoro, e informando contestualmente i cittadini su previsioni e realizzazioni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I NUMERI. I pali dell’illuminazione pubblica a Modena sono 31.537 (dato fine 2013), di questi 29.815 appartengono a Hera, 1.722 al Comune. Il nuovo contratto di servizio migliora le condizioni di quello precedente, 2008-2012, oggi in regime di prorogatio, con un costo medio previsto a palo che scende attorno ai 161 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Compie atti osceni e palpeggia una ragazzina al GrandEmilia, arrestato un 40enne

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Furto e aggressione con una mazza chiodata, modenese ferito in spiaggia

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Si masturba in piazza, fermato accanto al palco del Radio Bruno Estate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento