rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Sassuolo

Morto in casa di riposo anche Renzo Fontana, scampato alla strage di via Manin

L'uomo, 97 anni, era da tempo non più autosufficiente e si trovava isolato a letto mentre intorno a lui si consumava il dramma

Ad una settimana esatta dalla terribile tragedia che ha devastato la sua famiglia, si è sento anche Renzo Fontana, padre di Simonetta e nonno di Elisa Mulas. L'anziano era l'unico sopravvissuto all'orrore che si è consumato nell'appartamento di via Manin il 17 novembre, dove Nabil Dhahri ha ucciso l'ex compagna, i due figlie e la madre, risparmiando appunto soltanto il 97enne.
Fontana era da tempo costretto a letto e non più autosufficiente, a causa delle malattie e dell'età molto avanzata. Veniva accudito dalla figlia e si trovava a letto, isolato, nel momento in cui intorno a lui si consumava il dramma. Verosimilmente non si è accorto di nulla.

Nelle ore immediatamente successive alla scoperta della strage i sanitari lo avevano prelevato per trasferirlo in una casa di riposo. Già nei mesi precedenti l'uomo era stato ospite di una struttura residenziale a Torre Maina e aveva anche superato il covid.

Fontana era conosciuto in città, specialmente per la propria attività politica e per essere stato per decenni l'addetto alla manutenzione dello stadio "Ricci". Le esequie non sono ancora state fissate e non è chiaro se si svolgeranno insieme a quelle dei famigliari uccisi. Su questo tema, oltre ad attendere gli esiti degli accertamenti legali, non è ancora stata sciolta la riserva sulla possibilità (e opportunità) di svolgere un rito funebre privato, piuttosto che una cerimonia pubblica.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto in casa di riposo anche Renzo Fontana, scampato alla strage di via Manin

ModenaToday è in caricamento