Bici fuori dalle piste o senza luci di notte, 132 multe durante i controlli

La Polizia locale ha concluso la campagna mirata di sicurezza stradale dedicata a chi si sposta sulle due ruote: 337 i controlli diurni e serali. Regalati 80 kit di luci

Nel corso dei dieci giorni della campagna, che si è svolta dal 2 al 12 settembre, sia di giorno che la sera, sono state impegnate 51 pattuglie di unità territoriali, Pronto intervento e operatori in bicicletta della Polizia Municipale che hanno controllato in tutto 337 biciclette (176 di giorno e 161 nelle ore serali), con particolare attenzione al rispetto delle norme per quanto riguarda il comportamento su strada dei ciclisti e i dispositivi obbligatori di equipaggiamento delle bici, come luci, catadiottri rifrangenti, campanello e freni.

I controlli hanno interessato le vie del centro ma anche strade come la Giardini (verso Baggiovara), la Nazionale per Carpi, viale Montecuccoli e via Emilia ovest, all’altezza del parco Ferrari, dove i rischi per i ciclisti, soprattutto con il buio, sono maggiori.

Le sanzioni elevate sono state complessivamente 132, di cui 44 di giorno e 88 di sera. Di giorno gli agenti hanno sanzionato prevalentemente i ciclisti che non utilizzavano la pista ciclabile, non avevano entrambe le mani libere o circolavano contro mano. Nelle ore serali, invece, la violazione più frequente è stata l’assenza o il mancato utilizzo delle luci: gli 80 ciclisti trovati a circolare al buio non hanno potuto evitare il verbale da 26 euro, ma hanno ricevuto anche una coppia di luci per la bicicletta in "omaggio".

Dall’inizio dell’anno, nel territorio comunale di Modena, sono state 105 le persone in bici coinvolte in incidenti stradali, con il tragico bilancio di tre morti e 85 feriti.  “L’obiettivo primario della campagna – ricorda, infatti, l’assessora alla Mobilità sostenibile Alessandra Filippi – era, appunto, sensibilizzare al rispetto delle regole e al corretto uso della strada per aumentare la sicurezza di chi si muove in bici e prevenire gli incidenti. Un intento che intendiamo perseguire anche attraverso il Pums che prevede azioni di risoluzione dei punti critici stradali sia per i pedoni che per i ciclisti”. 

La campagna rientra nell'ambito del programma comunale per la Sicurezza stradale che prevede interventi e azioni finalizzate a sostenere e promuovere la mobilità sostenibile soprattutto in sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Codice della strada (l’articolo 182 regolamenta il comportamento dei ciclisti, l’art. 68 i dispositivi obbligatori) prescrive che i ciclisti debbano circolare su unica fila, utilizzare le ciclabili se presenti, non circolare sotto portici o in zone riservate ai pedoni come i marciapiedi, rispettare la segnaletica stradale e scendere dalla bici per attraversare la carreggiata su attraversamento pedonale nel caso manchi quello ciclabile (il ciclista che attraversa su strisce pedonali senza scendere dalla bici non ha la precedenza sugli altri veicoli). Il velocipede deve essere condotto a mano quando diventa pericoloso per i pedoni, soprattutto in centro storico o all’interno di fiere e mercati. Inoltre, il conducente della bici deve avere libero uso di braccia e mani, non è possibile caricare altre persone sulla bici (eccetto bambini fino a 8 anni di età su idonei seggiolini) e nelle ore notturne fuori dai centri abitati, oltre all’uso delle luci, è obbligatorio indossare indumenti ad alta visibilità. Va anche ricordato che è assolutamente vietata la conduzione di qualsiasi mezzo dopo aver assunto sostanze alcoliche e stupefacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento