rotate-mobile
Cronaca Sassuolo

Morì poche ore dopo le dimissioni, il giudice archivia il caso

Si conclude così la vicenda di un 41enne che nell’aprile 2010 morì dopo otto ore dal suo rientro a casa, dopo essere stato sotto osservazione per cinque giorni presso l’Ospedale di Sassuolo

Ricoverato in ospedale, dimesso dopo cinque giorni, muore dopo 8 ore. I medici avevano fatto il possibile. Si conclude così la vicenda di un 41enne che nell’aprile 2010 morì dopo otto ore dal suo rientro a casa, dopo essere stato sotto osservazione per cinque giorni presso l’Ospedale di Sassuolo. Il 12 febbraio scorso il giudice per le indagini preliminari archivia il fascicolo: “I medici hanno agito in modo appropriato”. Il caso dunque viene archiviato. Nell’ordinanza: “Non sono scientificamente individuabili errori che abbiano avuto un ruolo causale o concausale nel determinare il decesso […] in conclusione si ritiene debbano condividersi le valutazioni sul modo appropriato con cui i sanitari hanno affrontato l’inquadramento diagnostico del paziente […] per questi motivi si dispone l’archiviazione […]”. La direzione dell’Ospedale di Sassuolo è soddisfatta del risultato: “Quest’ordinanza sancisce, in modo inequivocabile, che i medici hanno agito per il meglio nel fornire la propria assistenza al paziente. Naturalmente, rimane la tristezza per la morte di un padre di famiglia così giovane e anche in questo caso esprimiamo la nostra vicinanza ai parenti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morì poche ore dopo le dimissioni, il giudice archivia il caso

ModenaToday è in caricamento