rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Carpi

Natale per l'Emilia, tornano le ceste di “origine terremotata”

Le cooperative che realizzarono il progetto lo scorso anno si sono riunite per riproporlo: le ceste natalizie battezzate Mirandla, Cuncordia, Cavez, San Flis e Nov saranno in vendita anche in queste festività per finanziare la ricostruzione

I prodotti “di origine terremotata” di Natale per l'Emilia sono stati una delle novità più interessanti dello scorso anno sotto il profilo della promozione e della raccolta post-sisma per il rilancio delle attività locali. Un'iniziativa così ben riuscita che gli organizzatori hanno deciso di riproporla anche in occasione delle festività natalizie di quest'anno. Si tratta del progetto ideato e realizzato dalle cooperative sociali Bottega del Sole di Carpi e Mirandola, Eortè di Carpi, Oltremare di Modena e Cavezzo, Vagamondi di Formigine, dalle associazioni Venite alla festa onlus di Carpi e Soliera e dal gruppo di acquisto solidale La festa di Soliera. I promotori hanno coinvolto una quindicina di produttori agricoli, anch'essi colpiti dal sisma: un mix innovativo tra cooperazione sociale e imprese profit con l'obiettivo comune di raccogliere fondi per la ricostruzione e trovare nuovi acquirenti fuori dal mercato locale.

“Riproponiamo Natale per l'Emilia perché i problemi post terremoto non sono completamente risolti – spiega Roberto Zanoli, della cooperativa sociale Eortè di Carpi – Le cooperative non hanno ancora terminato di riparare i danni, i bilanci sono in sofferenza e sono andate perdute quote di mercato. Lo stesso dicasi per le aziende agricole. Non chiediamo donazioni o beneficenza: diciamo che bisogna sostenere queste imprese acquistando i loro prodotti, offrendo loro la possibilità di ripartire e creare posti di lavoro”. 

Dal lambrusco al Parmigiano Reggiano, dall’aceto balsamico tradizionale alle specialità dolciarie del commercio equosolidale, i prodotti sono confezionati in ceste natalizie battezzate Mirandla, Cuncordia, Cavez, San Flis e Nov. L'anno scorso le confezioni Natale per l'Emilia hanno portato i prodotti tipici modenesi in tutta Italia. Al 31 dicembre 2012 sono state vendute 8.268 ceste contenenti 5.430 bottiglie di aceto, 6.384 bottiglie di Lambrusco, 1.356 bottiglie di birra, 1.356 bottiglie di spumante, 2.688 bottiglie di passata di pomodoro, 3.806 kg di riso biologico, 2.090 kg di farina biologica, 2.130 cotechini, mille salami, 2.602 kg di miele biologico e 4.765 kg di Parmigiano Reggiano. 

“Noi invitiamo le aziende e i privati che cercano un'idea originale per la loro strenna natalizia ad acquistate le nostre ceste non solo e non tanto per compiere un gesto di solidarietà, ma perché sappiamo – conclude Zanoli – che le confezioni di Natale per l'Emilia contengono prodotti tipici modenesi di ottima qualità”. Il progetto Natale per l'Emilia sarà presente con un proprio stand anche a “L'artigiano in fiera”, in programma all'Ente Fiera di Milano Rho dal 30 novembre all'8 dicembre.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Natale per l'Emilia, tornano le ceste di “origine terremotata”

ModenaToday è in caricamento