rotate-mobile
Cronaca Campus Universitario / Via Glauco Gottardi

Neve Modena: in arrivo tregua "bianca", gelo nel fine settimana

Le precipitazioni nevose ci accompagneranno fino a domenica 5 febbraio: una breve pausa potrebbe esserci concessa solo nella giornata di domani, ma le temperature sono destinate a scendere intorno a valori "glaciali"

A Modena città, l’altezza del manto nevoso ha già raggiunto oltre i 40 cm. Lo hanno affermato gli esperti del dell’Osservatorio Geofisico del Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell’Ambiente dell’Unimore capitanati dal meteorologo Luca Lombroso.

TEMPERATURE - Anche oggi le temperature sono andate sottozero. Presso il Campus universitario di Ingegneria, nella periferia cittadina dove ha sede una delle stazioni di rilevazione dell’Osservatorio universitario nella giornata di mercoledì 1 febbraio la colonnina del mercurio ha oscillato tra una minima di – 3.3°C ed una massima di – 2.1°C. Oggi giovedì 2 febbraio la minima è stata di – 3.4°C mentre la massima ha raggiunto -1.7°C. “Non molto differente la situazione in centro città, dove – spiega Luca Lombroso - anche qui le temperature restano al di sotto di 0°C. E questa è una delle altre anomalie di questa condizione meteorologica". La massa dell’aria fredda tuttavia deve ancora arrivare e sta entrando proprio in queste ore: “Freddo a parte - continua Luca Lombroso - sostanzialmente potrebbe nevicare (il condizionale è d’obbligo) anche se non incessantemente, concedendoci qualche pausa, fino a domenica o forse perfino lunedì 6 febbraio”.  

PREVISIONI - Nella giornata di venerdì 3 febbraio il fenomeno nevoso dovrebbe concedersi una pausa, che sarà accompagnata da una possibile gelida schiarita, con i termometri che scenderanno intorno a valori glaciali. Sabato 4 febbraio, invece, pare probabile una nuova nevicata, che anche in forma attenuata, potrebbe proseguire fino a domenica 5 febbraio. Quando cesserà questa situazione e finirà il gelo? “Nell’ambito previsionale utilizzabile - spiega Luca Lombroso – attualmente non è dato vedere la fine, per cui avremo temperature sempre sotto zero, giorno e notte, in tutto il modenese e reggiano almeno fino a martedì 7 o mercoledì 8 febbraio. Poi per quanto riguarda sia il tempo che le temperature dovremmo mantenere un giudizio di prognosi riservata”.  

CAUSE - La causa meteorologica è da un lato l’anticiclone russo-finnico con massimo di elevatissima pressione, 1065 hPa, sulla Russia Bianca, che manda l’aria gelida continentale artica, dall’altro la conseguente depressione sul Tirreno “Julia”, un vero “ciclone nevoso” che nella giornata di sabato 4 febbraio potrebbe portare neve perfino al largo sul mare, sia sul Tirreno toccando le coste corse e sarde, che sull’Adriatico e, soprattutto, in Italia centrale, compreso Roma e naturalmente la nostra regione: “Con questa situazione – afferma Luca Lombroso - non è facile stimare la quantità di neve che c’è da attendersi. Al nord, comunque, sarà farinosa e quindi più voluminosa, mentre al centro-sud assisteremo a vere e proprie bufere temporalesche con neve accompagnate da tuoni e fulmini”.

ESTREMIZZAZIONE - Situazione meteo eccezionale? Non per Luca Lombroso: “È un termine che non uso più - ha chiarito il meteorologo - perché in epoca di forti cambiamenti climatici può succedere di tutto. Ciò non significa assolutamente che l’evento di questi giorni vada correlato semplicisticamente ai cambiamenti climatici, ma è indubbio che siano proprio i cambiamenti climatici ad avere contribuito alla elevata temperatura del mare che ha portato all’intensificarsi del ciclone nevoso Julia. La sorpresa maggiore sta, forse, nell’intensità e nella estremizzazione delle perturbazioni nevose. È un’opinione e potrebbe essere anche solo una sensazione non dimostrata, ma sembra che nevichi meno frequentemente (finora non c’era stato praticamente inverno) e però, quando nevica, nevica più intensamente e copiosamente”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neve Modena: in arrivo tregua "bianca", gelo nel fine settimana

ModenaToday è in caricamento