Un nuovo padiglione e aule rinnovate, lavori al campus universitario

L'annuncio del rettore Unimore Andrisano oggi a Reggio Emilia. In via campi si amplierà sensibilmente lo psazio riservato alle attività didattiche. Fondi già accantonati, ma servono anche i contributi di Confindustria e Fondazione

Un nuovo "padiglione didattico" per il campus modenese dell'Università di Modena e Reggio Emilia, collocato a lato del museo Ferdinandi, con quattro aule grandi con servizi al piano terra e otto aule piccole al primo piano. è uno dei progetti annunciati oggi a Reggio Emilia dal rettore Angelo Andrisano, che nell'assemblea dei docenti e dei ricercatori ha fatto il punto sul prossimo sviluppo edilizio della sede di Modena dell'Ateneo. Sempre al campus si pensa anche alla riqualificazione dell'edificio dell'ex sede di Democenter, da destinare a laboratori ed uffici leggeri. 

Per entrambe queste iniziative, spiega il rettore, "abbiamo presentato una richiesta di finanziamento sia a Confindustria che alla Fondazione cassa di risparmio, oltre a mettere a disposizione un accantonamento". Numerosi poi gli interventi avviati o in fase di completamento citati dal rettore per gli studenti di area medica. A partire dal recupero degli spazi del Policlinico, danneggiati dal sisma. In particolare nel corpo G dell'edificio, sono stati attivate richieste di finanziamento per realizzare laboratori nei piani 2, 3 e 4. 

è invece pronto e sarà inaugurato a fine gennaio 2018 il centro di simulazione del policlinico, un progetto triennale sostenuto dalla cassa di risparmio di Carpi. Si tratta nello specifico di un laboratorio sia per studenti di area medica che professionalizzanti, con manichini dotati di sensori avanzati per simulare la reazione del corpo umano nel rapporto medico paziente. 

A febbraio verrà infine aperto il restaurato teatro anatomico, inserito nel complesso di Sant'Agostino, dove il Comune pensa al restauro del vecchio ospedale da destinare a sede museale. Qui, spiega Andrisano, "si avrà non solo il museo anatomico già avviato ma anche uno spazio museale nuovo nella sede del vecchio ospedale, dedicato a museo della strumentazione scientifica". 

In premessa il rettore aveva evidenziato: "Da tempo non parliamo di ediliza nè a Modena nè a Reggio e il motivo è molto semplice: i finanziamenti pubblici non ci sono. Possiamo contare solo con i risparmi che accantoniamo. Pero' siamo riusciti a raggranellare alcuni denari che ci consentiranno di provvedere allo sviluppo edilizio nei prossimi mesi".

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’Italia ha la sua Miss Curvyssima 2019, incoronata a Vignola Deborah Spada

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

  • La Polizia gli sequestra l'auto, lui entra di notte nel deposito e la riprende. Denunciato

Torna su
ModenaToday è in caricamento