Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Stadio Braglia / Via Francesco Maria Molza

Un nuovo sistema di infomobilità, come cambia l'Autostazione di Modena

Con un intervento dal valore complessivo di 250 mila euro verrà completamente rinnovata l’infrastruttura informativa a servizio degli utenti del trasporto pubblico. Una rete di monitor a colori fornirà informazioni accurate e tempestive sullo svolgimento del servizio

Un sistema di comunicazione dinamica ad alto contenuto tecnologico, per fornire agli utenti del trasporto pubblico di Modena informazioni accurate e tempestive sullo svolgimento del servizio e sulle modalità di accesso. Un’infrastruttura digitale in grado di trasmettere anche notizie di pubblica utilità ed informazioni di varia natura a cittadini e turisti in attesa dei mezzi pubblici. Sono queste le caratteristiche del nuovo sistema di infomobilità che sarà realizzato congiuntamente da Seta e dall’Agenzia per la Mobilità presso l’Autostazione di Modena, con un intervento dal costo complessivo di circa 250 mila euro che evolve l’attuale piattaforma informativa e la adegua alle esigenze di una moderna smart city.

Il costo dell’intervento sarà a carico di Seta per 100 mila euro e per 50 mila euro a carico dell’Agenzia per la Mobilità di Modena. I restanti 100 mila euro provengono da risorse dei fondi comunitari POR-FESR 2014-2020, nell’ambito dell’Asse 4-Promozione della Low Carbony Economy.

Il nuovo sistema di comunicazione integrato che verrà installato presso l’Autostazione di Modena sarà composto da: 14 pannelli bifacciali sottopensilina di ampio formato (cm.110x40) con schermo a led ad alta luminosità, che saranno posizionati in corrispondenza delle 7 corsie dei bus per informare i viaggiatori sugli orari di arrivo e partenza dei mezzi; 2 monitor monofacciali LCD full HD a colori (formato cm.78x131) con vetro temperato anti-vandalismo, posizionati nella sala di attesa e riportanti informazioni di servizio e commerciali (orari, tariffe, promozioni ed agevolazioni, ecc.); 1 tabellone riepilogativo generale (formato cm.400x120) a led full color, che verrà posizionato nell’atrio dell’autostazione in sostituzione dell’attuale pannello. Ad integrazione dei dispositivi dell’Autostazione, presso le fermate urbane sarà avviata la sostituzione graduale dei monitor installati ormai più di 10 anni fa, non più adeguati agli attuali standard. I vecchi display saranno sostituiti con moderni monitor Tft full HD a colori di ampio formato (cm.80x30), anch’essi protetti da un vetro temperato anti-vandalismo: i primi esemplari saranno posizionati nelle fermate urbane di via Molza, poi seguiranno le fermate della stazione FF.SS. di piazza Dante e quelle di largo Garibaldi. L’installazione dei nuovi monitor è prevista in tutte le fermate principali di Modena, ma anche delle principali località della provincia.

Il ‘cuore’ del nuovo sistema di infomobilità è rappresentato da una piattaforma gestionale multimediale (cabina di regia), in grado di gestire da remoto tutti i dispositivi collegati e di interfacciarsi con il sistema AVM (Automatic Vehicle Monitoring) di Seta, che consente il monitoraggio in tempo reale di tutti i mezzi in servizio sulle reti urbane ed extraurbane.

“Grazie a questi nuovi dispositivi di comunicazione dinamica sarà possibile veicolare informazioni precise e tempestive sul posizionamento dei mezzi e sui tempi previsti di arrivo e partenza” commenta Vanni Bulgarelli, Presidente di Seta, che sottolinea inoltre come “Il sistema sarà in grado di dialogare con altre piattaforme di informazione e messaggistica gestiti da Enti ed Agenzie pubbliche: sarà possibile, ad esempio, trasmettere regolarmente messaggi di pubblica utilità (informazioni sulla viabilità, situazione meteo), nonchè comunicazioni specifiche in caso di eventi eccezionali”. La doppia funzionalità dei monitor posti alle fermate e nella sala di attesa, infatti, consentirà di sezionare lo schermo in più parti e trasmettere contemporaneamente su un unico pannello video una pluralità di layout testuali e grafici.

L’installazione del nuovo sistema di infomobilità prenderà il via in primavera e sarà completata entro il mese di giugno. “L’informazione a terra, presso i terminal e le fermate, è indice della qualità del trasporto collettivo” afferma Andrea Burzacchini, Amministratore Unico dell’Agenzia per la Mobilità di Modena. “Un’informazione costante e puntuale sugli orari dei mezzi – prosegue Burzacchini - consente ai cittadini di gestire meglio il proprio tempo e di muoversi più agevolmente, incentivando di fatto l’utilizzo di una modalità di spostamento sostenibile come il mezzo pubblico. Il nuovo sistema di infomobilità integra e completa la piattaforma digitale Quanto Manca, rendendo il bus attraente anche per l’utente occasionale, per il turista, e per chi si muove integrando mezzi diversi per i singoli viaggi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un nuovo sistema di infomobilità, come cambia l'Autostazione di Modena

ModenaToday è in caricamento