Occupano un casolare e minacciano di gettarsi dal tetto, undici arresti

Dopo due giorni di trattative ed estrema tensione si è conclusa la sortita di un gruppo di giovani antagonisti a Samone di Guiglia. Ieri sera si sono "arresi" gli ultimi 5 occupanti saliti sul tetto

foto di repertorio

Decine di militari dell'Arma dei Carabinieri, e non solo, sono stati impegnati nelle ultime 48 ore a Samone di Guiglia, presso un casolare privato che venerdì è statao oggetto di un'occupazione abusiva. Una ventina di ragazzi provenienti sia dal modenese che dalle province vicine hanno infatti preso possesso dello stabile, al momento vuoto, situato in una zona piuttosto isolata e di proprietà di un cittadino bolognese che lo utilizza come seconda casa.

La segnalazione dell'occupazione è giunta al proprietario grazie al vicinato ed è subito partita la denuncia. I Carabinieri si sono portati sul posto venerdì pomeriggio e hanno dovuto subito fare i conti con la resistenza degli occupanti. Sono volati insulti e il clima si è fatto subito molto teso, con i ragazzi - afferenti all'area antagonista e anarchica - che si sono riufiutati di uscire: alcuni di loro, 5 in particolare, sono saliti sul tetto e hanno minacciato di gettarsi.

La protesta è durata tutta la notte, nonostante il freddo, e si è protratta anche nella giornata di sabato. Oltre una trentina di militari - compreso il reparto antisommossa - si sono schierati intorno all'edificio e la trattativa è proseguita fino ala tarda mattinata, quando i carabinieri sono intervenuti e hanno bloccato 11 occupanti. I giovani - ventenni e trentenni - sono stati identificati e tratti in arresto per resistenza a pubblico ufficiale: una fase concitata durante la quale si è avuto anche uno scontro fisico, senza gravi conseguenze.

Sono servite però ancora diverse ore prima che gli ultimi 5 occupanti decidessero spontaneamente di scendere dal tetto del casolare: questo è avvenuto intorno alle 20, quando anche loro sono stati identificati. Per tutti scatterà poi la denuncia per invasione di edifici.

Dopo quasi 48 ore di "passione" il sindaco di Guiglia Iacopo Lagazzi ha commentato: "Ringrazio quindi a nome di tutti i cittadini, i Carabinieri, i volontari della Pubblica Assistenza di Zocca e tutte le Forze dell’Ordine che hanno partecipato all'intervento in modo coordinato. L' operazione ha consentito di far rispettare sicurezza e legalità sul nostro territorio. Legalità che deve essere la priorità non solo per un' Amministrazione Comunale ma anche per tutti i cittadini. Come sempre le Forze dell'Ordine sono in prima linea e lavorano nell'interesse del cittadino applicando le leggi dello stato, leggi che non spetta ne me ne ad altri ricordare a chi opera, spetta invece a tutti collaborare in modo fattivo con tutte le Forze dell'Ordine affinché queste vengano rispettate. Esprimo infine la mia personale vicinanza a tutti gli agenti e al Maggiore per le frasi e gli insulti ricevuti - ha aggiunto Lagazzi - Tutti sono benvenuti a Guiglia a condizione che lo facciano nel rispetto della legge e degli altri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Scuole, contagi in altre 21 classi. Cinque finiscono in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento