rotate-mobile
Cronaca Formigine / Via Bassa Paolucci

Trovato morto in casa legato, si indaga sulla tragica fine di Alessandro Gozzoli

La scoperta ieri pomeriggio nell'appartamento di Casinalbo nel quale il quarantenne viveva. Sul posto i Carabinieri e il pm. Nessuna ipotesi è esclusa

Sono in corso dalla metà del pomeriggio di ieri indagini serrate per fare luce sulla tragica fine di Alessandro Gozzoli, il quarantenne trovato senza vita nell'appartamento in cui viveva a Casinalbo di Formigine. L'allarme è scattato intorno alle ore 17, quando la sorella della vittima è entrata nell'abitazione di via Bassa Paolucci, scoprendo il dramma. Gozzoli, originario di Bazzano, viveva da poco tempo nel paesino tra Modena e Formigine e lavorava nel capoluogo. Sarebbero stati proprio i colleghi di lavoro a lanciare l'allarme non riuscendo a contattarlo.

La sorella ha immediatamente chiamato il 118, ma all'arrivo dei sanitari e del medico è stato subito chiaro che l'uomo era deceduto, forse ormai da diverso tempo. In quali circostanze e per quali motivi, resta un mistero.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Formigine, seguiti poi dai colleghi del Nucleo Investigativo. All'interno dell'appartamento sono stati eseguiti tutti gli accertamenti del caso. Nel corso della serata sono intervenuti gli specialisti della Medicina Legale, sotto il coordinamento del Pubblico Ministero di turno.

Le circostanze della morte appaiono sospette e non lineari - pare che l'uomo fosse in qualche modo legato all'interno dell'appartamento - motivo per il quale non è possibile al momento escludere che si tratti di un omicidio. In tal senso saranno importanti i riscontri autoptici sulla salma, mentre gli inquirenti vaglieranno le ultime ore di vita del quarantenne per ricostruire le sue relazioni e i suoi contatti, grazie ai tabulati telefonici e alle telecamere di videosorveglianza presenti nell'area.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovato morto in casa legato, si indaga sulla tragica fine di Alessandro Gozzoli

ModenaToday è in caricamento