rotate-mobile
Cronaca

Ordinanza anti-botti di Capodanno, per il sindaco il bilancio è positivo

Gian Carlo Muzzarelli tira le somme della notte di Capodanno e del divieto di esplodere fuochi artificiali: "L'uso di botti è diminuito in maniera sensibile, abbiamo fatto il possibile per far rispettare l'ordinanza"

Tanto ha fatto discutere e tanto farà ancora discutere l'ordinanza del Comune di Modena - replicata anche in diversi paesi della provincia - che vieta l'uso dei fuochi artificiali in occasione delle feste appena trascorse. A distanza di due giorni dalla notte di Capodanno, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli traccia sui social network un primo bilancio dell'ordinanza. Nel cpmplesso, il sindaco esprime un giudizio positivo.

"Innanzitutto, la principale novità di quest'anno è stata, come abbiamo sottolineato, l'estensione del divieto a tutto il territorio comunale - scrive Muzzarelli - A quanto ci risulta, è diminuito in maniera sensibile l'uso dei 'botti' e non ci sono stati incidenti di rilievo (il principale, correttamente segnalato anche sulla stampa, è stato un incendio di una tenda parasole in via Sigonio). Abbiamo avuto, come Polizia Municipale, alcune chiamate il pomeriggio del 31 dicembre ed 8 chiamate nella notte (in 7 casi su 8 abbiamo inviato una pattuglia)".

La rifelssione del primo cittadino si sposta quindi oltre le mura della città: "Ho letto oggi i numeri relativi al territorio italiano: nonostante anche in Italia ci sia stata una netta diminuzione degli incidenti, ci sono stati 251 feriti nella notte di Capodanno, 12 dei quali gravi. Tra loro, un bimbo di 10 anni ricoverato in prognosi riservata che rischia di perdere un occhio ed un ragazzino di 14 anni che probabilmente perderà l'uso della mano. Sono numeri in diminuzione rispetto agli anni scorsi, ma 251 feriti in una notte è comunque il bilancio di una guerra, non di un momento di festa, e credo che sia giusto che un'istituzione non si sottragga ad affrontare il problema".

Poi il giudizio locale: "Noi abbiamo fatto il possibile per fare rispettare l'ordinanza a Modena, e ci risulta che il bilancio sia stato positivo: come per altri comportamenti legati alle scelte individuali delle persone, serve una progressiva presa di coscienza di tutti i cittadini perché quello che è uno dei momenti più di gioia e più comunitari dell'anno (passato spesso in compagnia non solo dei famigliari ma di tante e tanti concittadini, come dimostrano le migliaia di persone in piazza Grande) sia vissuto come tale, in sicurezza e felicità, e non sia una notte che finisca al Pronto Soccorso". Insomma, poteva andare peggio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ordinanza anti-botti di Capodanno, per il sindaco il bilancio è positivo

ModenaToday è in caricamento