rotate-mobile
Cronaca

Picchia la compagna incinta e i carabinieri: modenese in manette

L'uomo, residente nel Riminese, era annebbiato dai fumi dell'alcol. La pattuglia dell'Arma è dovuta intervenire due volte prima di far scattare l'arresto. La vittima, ferita, ha rifiutato le cure dei medici e di sporgere denuncia

Alle 5 di giovedì i carabinieri di Rimini sono accorsi a sirene spiegate in un appartamento di San Giuliano (Rimini) dove, un 39enne originario del Modenese, stava picchiando selvaggiamente la propria compagna 31enne in stato interessante. L'uomo, in preda ai fumi dell'alcol, non ha esitato ad aggredire anche i militari dell'Arma che, dopo averlo bloccato, lo hanno ammanettato con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

La donna, una 31enne originaria di Potenza, nonostante avesse degli evidenti segni delle violenze inflittegli dal compagno ha rifiutato sia le cure mediche che di sporgere una querela nei confronti del compagno.  Quello delle 5 è stato il secondo intervento, nello stesso appartamento, da parte dei carabinieri che, già alcune ore prima, erano stati allertati dai vicini per le urla provenienti dall'abitazione. In quella occasione, convinti di aver riportato la calma nella coppia, i carabinieri si erano tranquillizzati. Il 39enne, dopo aver passato una notte in camera di sicurezza, giovedì mattina è stato processato per direttissima e il giudice lo ha condannato a 8 mesi, pena sospesa, con l'obbligo di dimora in città.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la compagna incinta e i carabinieri: modenese in manette

ModenaToday è in caricamento