Ubriaco picchia a sange la moglie e aggredisce i carabinieri, arrestato

E' accaduto a Maranello, dove la scorsa notte è finito in manette un 34enne nordafricano giò noto alle forze dell'ordine

La scorsa notte, intorno all'una, i carabinieri di Maranello sono stati allertati telefonicamente da una signora che ha riferito di essere stata picchiata dal marito. Tutto è avvenuto nel centro di Maranello, dove i militari si sono portati immediatamente, trovando in effetti la donna ancora in stato confuzionale, con il volto rigato di sangue. La signora straniera ha riferito che poco prima il marito ubriaco l'aveva picchiata con calci e pugni, sbattendole poi la testa più volte contro il muro.

Dopo aver allertato il 118 e fatto intervenire in ausilio altra pattuglia del Radiomobile di Sassuolo, i carabinieri si sono recati all’interno dell’abitazione dove il cittadino tunisino, ancora in evidente stato di alterazione psicofisica, si è scagliato contro di loro. Il 34enne, già noto alle forze dell'ordine, ha opposto ferrea resistenza e anche un militare è rimasto ferito ad un polso.

Una volta immobilizzati, il magrebino è stato portato in cella, presso il Sant'Anna, in attesa delle decisioni dell'Autorità giudiziaria: dovrà rispondere di maltrattamenti in famiglia, violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

La signora è stata medicata presso l’ospedale di Sassuolo e per un trauma facciale e anche il carabiniere ferito è dovuto ricorrere all'assistenza medica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

Torna su
ModenaToday è in caricamento