Ubriaco e drogato picchia la moglie e minaccia di far esplodere la bombola del gas

E' accaduto ieri a Carpi, dove un nordafricano è stato arrestato dalla Polizia di Stato, che lo ha bloccato anche grazie allo spray al peperoncino

Nel pomeriggio di ieri gli agenti del Commissariato di P.olizia di Carpi ha tratto in arresto un cittadino marocchino di 42 anni, pregiudicato, per il reato di lesioni personali aggravate e minacce nei confronti della moglie e per resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale. Un equipaggio della Squadra Volante si è portato presso l’abitazione del 42enne, dove era stata segnalata una violenta lite familiare tra l'uomo e la consorte, minacciata e ferita al collo – come gli agenti hanno potuto accertare successivamente – con un coccio di bottiglia. 

Al momento dell’intervento gli agenti hanno trovato la donna in lacrime e con evidenti segni di percosse, mentre il marito, in stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di alcool e sostanze stupefacentidroga, urlava e si dimenava cercando di strapparsi di dosso la maglietta. Dopo aver infranto con un pugno il vetro di una finestra, si era poi avvicinato con una sigaretta accesa alla bombola del GPL, minacciando di far saltare in aria l’appartamento.

Gli agenti con sangue freddo sono riusciti a bloccarlo con non poche difficoltà, ricorrendo all’utilizzo dello spray urticante. Una volta calmati gli animi, è stato richiesto l’intervento dei sanitari, che hanno trasportato la donna presso il Pronto Soccorso per le cure del caso. E' poi  stata dimessa con prognosi di 10 giorni a causa delle percosse. Anche gli agenti sono rimasti lievemente feriti nel corso della colluttazione con il marocchino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La donna, che è stata ascoltata nella “Sala Audizioni Protette”, inaugurata proprio pochi giorni fa in Commissariato, ha confidato agli operatori che da anni era costretta a subire continue angherie da parte del marito tossicodipendente e nella circostanza ha sporto querela nei suoi confronti. Il Gip del Tribunale di Modena, in esito al processo con rito direttissimo, ha disposto la custodia cautelare in carcere per 42enne marocchino.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, si cerca una 16enne di Sassuolo

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Vintage e Second Hand | 4 negozi di pezzi d'abbigliamento unici e pregiati a Modena

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • Castelvetro, ciclista di 27 anni esce di strada e perde la vita in via Bionda

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento