rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Fossalta / Via Emilia Est

Pista ciclabile lungo via Emilia Est, altolà dei commercianti

Rete Imprese commenta l'intervento pianificato dal Comune: "Il progetto è accattivante sulla carta, impatta però negativamente con le attività presenti in zona". Nel tratto compreso tra Ciro Menotti e via Bonacini più che dimezzati i parcheggi

Una nuova pista ciclabile si affaccia sulla città e una nuova discussione è pronta ad accoglierla. Dopo via Giardini, è ora il turno di un'altra arteria fondamentale della città, ovvero la via Emilia Est. Qui il Comune ha deciso di realizzare un primo stralcio di lavori – tra Largo Garibaldi e l'intersezione con via San Giovanni Bosco – con l'intento di proseguire poi fino a via Campi, dove si aggancia il tratto già completato che si conclude verso l'infinito e oltre, sullo spaziale e deserto cavalcavia sulla tangenziale. Il nuovo cantiere, sul cui inizio non vi sono date certe, prevede non solo la pista ciclabile, ma anche una ristrutturazione di tutto l'asse stradale.

La corsia riservata alle due ruote sorgerebbe sul lato destro, procedendo verso il centro della città e porterebbe con sé una serie di interventi che da ormai diversi anni caratterizzano le riqualificazioni stradali. Restingimento della carreggiata, ampliamento delle aiuole e delle isole pedonali, dimezzamento del numero di parcheggi, con l'aggiunta di strisce blu e disco orario in quelli sopravvissuti.

Qualunque sia il giudizio di ciascuno su questa scelta, noi riportiamo oggi quello di Rete Imprese di Modena – cui aderiscono Confesercenti Ascom-Confcommercio, Lapam-Licom e CNA – all’indomani dell'incontro avuto con i rappresentanti dell’Amministrazione, nella persona dell'assessore Gabriele Giacobazzi e dei suoi tecnici. “Siamo molto perplessi nonché preoccupati di fronte ad un progetto che riduce in modo drastico i posti auto, introduce parchimetri, impatta negativamente con gli esercizi commerciali in zona, limitandone l’attività se non addirittura mettendone a rischio la stessa”. 

Una posizione chiara, cui Rete imprese aggiunge: “Risulta quanto meno singolare che il progetto non abbia tenuto conto, o lo abbia fatto solo marginalmente, della situazione esistente. Ragione che induce a nostro avviso ad una sua profonda revisione, finalizzata anche e soprattutto alla salvaguardia degli esercizi commerciali che gravitano nel tratto in questione. Senza contare inoltre le nostre forti perplessità riguardo la riduzione dei posti auto prevista e di difficile compensazione per altro: le cosiddette vie laterali risultano, ed è un dato di fatto, congestionate già adesso dal mattino. Non nascondiamo quindi – prosegue Rete imprese - la nostra preoccupazione nei confronti di questo piano che solo in teoria è accattivante, ma che nella realtà a nostro avviso mostra di non tenere conto a sufficienza della  consolidata presenza di bar, negozi, attività economiche, già costrette a fare i conti con la crisi e  che potrebbero entrare in ulteriore forte sofferenza. Prospettando chiusure e licenziamenti, oltre che la desertificazione dell’area”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pista ciclabile lungo via Emilia Est, altolà dei commercianti

ModenaToday è in caricamento