rotate-mobile
Cronaca

Sale sul cornicione del terzo piano e minaccia suicidio, salvato da un poliziotto

Un'azione eroica condotta da un agente della Polizia ha permesso di salvare un ragazzo di 19 anni, poco prima che questi si buttasse da 12 metri di altezza. Una lunga trattativa sotto la pioggia, sospesi su un cornicione di 15 centimetri

Un intervento che non esitiamo a definire eroico, a rischio di sconfinare nel banale. Ma c'è davvero un che di straordinario nell'azione di un agente della Questura di Modena, che nel primo pomeriggio di ieri ha salvato la vita ad un giovane residente in città dimostrando un coraggio e una professionalità davvero eccezionali. Si tratta di Federico Francione, agente 33enne della Squadra Volante che, in coppia con la collega 26enne Elisabetta Bartoloni, è stato chiamato ieri intorno alle ore 14 ad intervenire in un palazzo della città, dove un ragazzo di 19 anni era salito su un cornicione a 12 metri di altezza, minacciando di gettarsi nel vuoto per farla finita.

Il giovane, in un difficile momento di depressione, aveva infatti scavalcato la finestra del bagno di casa, camminando poi per alcuni metri lungo il sottile cornicione che corre lungo il terzo piano del palazzo. La madre si era accorta del suo folle gesto e aveva avvertito le forze dell'ordine ed il 118.

Gli agenti giunti sul posto, ancor prima dell'arrivo dei Vigili del Fuoco, hanno deciso di prendere in mano la situazione, per scongiurare un finale drammatico. Sono saliti al terzo piano e si sono messi a cavalcioni sul parapetto del balcone, iniziando un dialogo serrato con il giovane. Capendo che il 19enne non avrebbe desistito, l'agente Francione ha scavalcato a sua volta la ringhiera e – sotto la pioggia battente – ha pian piano percorso la distanza che lo separava  dal ragazzo. Mentre si avvicinava ha continuato a rincuorarlo e a tranquilizzarlo, facendo di tutto per ricondurlo a più miti consigli.

Una “trattativa” durata ben 40 minuti, sospesi e senza protezione, su uno scalino di 15 centimetri reso viscido dalla pioggia. Ma alla fine il poliziotto ha convinto il suo interlocutore e lo ha preso per mano, riconducendolo con calma e massima attenzione verso la finestra, dalla quale entrambi sono poi rientrati, al sicuro. Un risultato ottenuto non solo grazie al senso del dovere e alla preparazione, ma anche e soprattutto dimostrando grande tatto e umanità.  Il ragazzo è stato affidato ai sanitari per essere soccorso, mentre gli agenti hanno fatto rientro, sicuramente orgogliosi del salvataggio compiuto.

Allegati

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sale sul cornicione del terzo piano e minaccia suicidio, salvato da un poliziotto

ModenaToday è in caricamento