Polveri sottili, giù il riscaldamento in caso di sforamenti

Un grado in meno in caso di troppi sforamenti sulle polveri. Ma negli ultimi anni l'andamento è positivo con una riduzione del 30 % dei superamenti giornalieri

La riduzione di un grado della temperatura negli ambienti riscaldati è tra le misure di carattere emergenziale, oltre ai blocchi domenicali della circolazione, previste in caso di troppi sforamenti consecutivi della qualità dell’aria. Ma, prima di procedere con i provvedimenti più restrittivi, l’Accordo regionale prevede che la Regione convochi il tavolo dei sindaci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo i dati Aci (2010) in città ci sono 115 mila auto, la metà delle quali soggetta ai blocchi del giovedì o della domenica, e si stima che circa il 70 per cento delle emissioni delle polveri siano dovute al traffico. A Modena, nel 2012, per le polveri, sono stati registrati 85 superamenti del valore limite giornaliero (stazione Giardini), mentre il valore medio annuale è risultato entro il limite pari a 38 microgrammi per metro cubo. Benché si sia ancora lontani dal riuscire a rispettare il numero massimo di superamenti del valore limite giornaliero, se si analizza l’andamento delle rilevazione nella stazione Giardini risulta che in sei anni si è ridotto del 30 per cento il numero dei superamenti: dai 120 del 2007 agli 85 del 2012. Ma è soprattutto il valor medio delle concentrazioni che mostra come la riduzione dei livelli sia generalizzata: dai 48 microgrammi per metro cubo misurati nel 2007 si è passati ai 38 microgrammi per metro cubo misurati nel 2012.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Coronavirus, 69 nuovi casi in regione. La metà tra Bologna e Reggio Emilia

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

  • Contagio Trovati 15 nuovi casi nel modenese: erano già quasi tutti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento