La lettera - Porta Aperta ricorda il vescovo Lanfranchi

Il centro diocesano ricorda in modo commosso la figura di mons. Lanfranchi. Ecco la lettera integrale

I volontari, gli amici, tutte le persone che si rivolgono al Centro di Accoglienza diocesano, gli operatori di Porta Aperta, si uniscono esprimendo il proprio cordoglio per la scomparsa di Mons. Antonio Lanfranchi. In queste settimane tutti noi abbiamo cercato di coltivare la speranza della guarigione, alimentandola con la preghiera, ma la volontà del Padre era quella di riportare il Pastore della Chiesa di Modena a sé.

Il modo e i tempi con cui Mons. Lanfranchi ha guidato la Chiesa cattolica di Modena, ne fanno una figura che ricorderemo in maniera del tutto particolare. Un uomo di Dio che potremmo definire 'dolce' e 'profondo'. Dolce per la sua sensibilità e delicatezza fin nei rapporti interpersonali, mai un accenno prevaricatore, mai una forzatura; uomo che cercava di farsi riconoscere per la sua autorevolezza, non tanto per il ruolo che rivestiva. La pazienza di chi sa attendere che le cose arrivino al loro compimento. Anche al rientro dopo il primo lunghissimo ricovero, pareva quasi scusarsi per il disturbo arrecato.

Profondo nel magistero che in questi, ahinoi, pochi anni che ha guidato le nostre comunità, ci ha offerto con pensieri e riflessioni mai banali, ma che cercavano sempre di andare alla sostanza delle realtà e delle problematiche, alla loro complessità, offrendoci una lettura illuminata dalla luce derivante dall'insegnamento Evangelico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mons. Lanfranchi, lo ricorderemo uomo di Chiesa, che ci ha mostrato la dolcezza e la profondità della fede. Lo ricordiamo in particolare vicino ai poveri, al centro di accoglienza e a Porta Aperta. In occasione delle celebrazioni eucaristiche a San Cataldo, l'ultima lo scorso dicembre 2014, allorquando ci aveva incoraggiato a continuare nel servizio agli ultimi. Oppure al convegno per il 40° della Caritas diocesana ad un anno dalla scomparsa di don Adriano Fornari il primo direttore della Caritas. Ci stringiamo nella preghiera insieme a tutta la Chiesa di Modena, siamo vicini ai famigliari a cui esprimiamo il nostro sentito cordoglio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion e autocisterna si scontrano e prendono fuoco, una vittima in Autosole

  • Accademia Militare, per la prima volta una donna è la più meritevole fra gli Allievi

  • Covid, 49 positivi a Modena. Deceduto un 66enne di Vignola

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Nominati gli ambasciatori 2020 della Confraternita del Gnocco d'Oro

  • Contagi, 81 nel modenese. Due decessi e due ingressi in Terapia Intensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento